Bologna – A est: distretto universitario

Bologna – A est: distretto universitario

Nella parte orientale del centro storico di Bologna, delimitata a ovest da via Oberdan, e da sud dalla Strada Maggiore, ci sono molte facoltà senior dell'università, principalmente in grandi palazzi del XVII e XVIII secolo. Probabilmente è la parte più bella della città, quando vuoi trascorrere la giornata - o la notte - tra bar economici, ristoranti e negozi orientati alla clientela studentesca. Anche qui il modo più semplice per conoscere il programma culturale è: i manifesti sono attaccati ai muri degli edifici di via Zamboni e dei vicoli che da essa partono - via delle Moline, via delle Belle Arti, via Mentana - e spesso bar e caffè organizzano degli appuntamenti.

Via Rizzoli conduce al Quartiere Universitario da Piazza Maggiore, che termina in Piazza di Porta Ravegnana, dove si trovano le torri della Torre degli Asinelli (codz. 9.00-19.00) e la pericolosa curva di Torre Garisenda, meglio conosciuto come Due Torri, l'unico sopravvissuto tra centinaia di torri sparse per la città durante il Medioevo. Il primo offre una vista panoramica del centro città e oltre, sui tetti di tegole rosse delle case, la pianura e le colline a sud.

Via San Stefano corre ad est delle Due Torri fino alla porta medievale accanto a un insieme di quattro chiese, originariamente sette, chiamate Santo Stefano. Tre delle chiese si affacciano sulla piazza, e il più interessante è il poligonale San Sepolcro (Chiuso. 12.00-15.30), a cui si accede dalla Chiesa del Crocifisso. La tradizione proclama, che Pilato si lavò le mani nelle ciotole che stavano nel suo cortile dopo aver condannato a morte Cristo. All'interno si trova la tomba di S.. Petroniusza, il cui modello era la Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme. Da qui puoi andare a San Vitale e Agricola, la chiesa più antica di Bologna, costruito da frammenti di rovine romane nel V secolo; a sua volta, nella quarta chiesa, Trinita, che è dall'altra parte del cortile, ospita un piccolo museo (codz. 9.00-12.00 io 15.30-18.00) con il reliquiario di S.. Petronio e alcuni quadri noiosi.

A nord di Santo Stefano, na strada Maggiore, c'è un altro monumento interessante nel quartiere, chiesa gotica di Santa Maria dei Servi, completato in 1386 r., con affreschi della stessa epoca. Andando a nord dalla chiesa, si raggiunge via Zamboni, vicino e intorno al quale si trovano molti antichi palazzi, che ospita varie istituzioni universitarie. Molti di questi edifici furono decorati da membri delle accademie bolognesi, che dopo 1600 r. ha svolto un ruolo di primo piano nell'arte italiana. Tibaldi, meglio conosciuto come architetto, prese un pennello, per decorare l'edificio principale, Palazzo Poggi, al numero 31 (pn.-pt. 9.00-12.30). Il suo affresco raffigurante Ulisse è stato influenzato dalla Cappella Sistina di Michelangelo e ha svolto un ruolo nella famosa disputa sul restauro di quest'ultima, poiché gli storici dell'arte hanno utilizzato l'affresco di Tibaldi come prova, che hanno ricreato correttamente i colori nei dipinti di Michelangelo. La maggior parte delle persone è attratta qui dalla Specola, cioè l'osservatorio situato al quarto piano dell'edificio, e nel piccolo Museo di Astronomia che si trova qui ci sono una serie di strumenti del XVIII secolo e un affresco raffigurante il firmamento - fu dipinto solo settant'anni dopo che Galileo fu imprigionato per visioni eretiche sul cosmo.

Via Zamboni prowadzi do Piazza Rossini, dove la chiesa di San Giacomo Maggiore è nascosta dietro una recinzione di lamiera ondulata e un'impalcatura, La costruzione romanica iniziò nel 1267 r., e poi ampliato più volte. L'attrazione principale qui è la Cappella Bentivoglio, decorato con misure stabilite da Annibal Bentivog-lio per commemorare la vittoria della famiglia nella disputa locale dell'anno 1488. Lorenzo Costa ha dipinto affreschi raffiguranti l'Apocalisse, Trionfo della morte e Madonna in trono, e ovviamente la famiglia Bentivoglio, i cui membri sembrano sospettosamente devoti, ma l'artista ha cercato di caratterizzarli accuratamente, cosa nuova a quei tempi. Altri affreschi del Costa e opere di Francesco Francia adornano l'Oratoria di Santa Cecilia (bisogna chiedere al sacrestano di aprirlo); mostrano episodi della vita delle sante Cecilia e Valeriano. Di fronte alla cappella si trova anche la tomba di Anton Galeazzo Bentivoglio di Jacop della Quercia, uno degli ultimi lavori dell'artista.

Piazza Rossini prende il nome da un compositore del XIX secolo, che ha studiato al Conservatorio G.. B. Martini. La biblioteca musicale locale è una delle più importanti d'Europa, ha una serie di manoscritti originali, alcuni sono esposti in pubblico accanto a un piccolo numero di dipinti. Ulteriore, in direzione nord via Zamboni, intorno a Porta San Donato ospitano molte delle più grandi facoltà dell'università, e il Museo di Anatomia Umana in via Imerio 48. È un posto strano da esplorare, ma sarebbe un peccato lasciare Bologna senza vedere i repellenti (e bellissimo) sculture in cera (pn.-pt. 9.00-12.00 io 15.30-19.00). Fino al XIX secolo venivano utilizzati per dimostrazioni mediche, e la loro originalità è alla pari di tutte le altre opere d'arte della città. C'erano due scuole di scultura in cera in Italia: metoda florencka, in cui sono stati utilizzati gli arti, organi e ossa per la realizzazione di stampi, e Bologna, in cui tutto era intagliato a mano, comprese vene e capillari, che rotolava come la plastilina. Il confine tra arte e scienza non era definito rigorosamente, e all'inizio del XVIII secolo. a Bologna le botteghe di Anna Morandi Mazzolini ed Ercole Lelli hanno prodotto figure, che erano più di semplici ausili clinici. Mazzolini, ad esempio, ha scattato un autoritratto con una sezione del cervello, con ciuffi di capelli legati a un cuoio capelluto tirato indietro; altre due figure, visualizzato in teche di vetro, hanno la forma di statue classiche, uno tiene una falce tra le mani, e un'altra falce.

Nelle vicinanze si trova la Pinacoteca Nazionale in via delle Belle Arti 56 (wt.-sb. 9.00-14.00, nd. 9.00-12.30; 2000 L), le cui collezioni di dipinti offrono un po 'meno intrattenimento e comprendono principalmente opere di artisti bolognesi. Ecco le tele dell'artista locale del XIV secolo Vitale da Bologna, successivamente opere di Francia e Tibaldi e dipinti del periodo artisticamente più prolifico della storia della città, l'inizio del XVII secolo, quando qui erano attivi Annibale e Agostino Carracci, Guido Reni i Guercino (strabismo). Sulla scultura spicca la Pietà Niccola delFrca, qui si è trasferito dalla Chiesa di Santa Maria in Vita, le cui figure a grandezza naturale sono piene di affetto.

Nord e Sud: Duomo. museo e chiesa di San Francesco

A nord delle piazze centrali di Bologna c'è molto meno da vedere. Situato proprio dietro Piazza Nettuno, il Duomo risale al X secolo., ma da allora è stata ricostruita molte volte e oggi è una chiesa barocca abbastanza comune.

Più interessante è il Museo Cmco Medioevale e dal Rinascimento di fronte (pn. e mercoledì-sabato. 9.00-14.00, nd. 9.00-12.30; 2000 L), situato nel rinascimentale Palazzo Fava, decorato con affreschi dei Carracci. Tuttavia, il raccolto, recentemente trasferito dal museo dall'altra parte della piazza, non sono molto sensazionali e includono l'armatura, ceramica, numerose tombe e busti di vari papi e altri dignitari, oltre a numerose sculture di Jacop della Quercia. L'area ad ovest di Piazza Nettuno è relativamente scarsa di monumenti e solo la grande chiesa gotica di San Francesco, proprio accanto a via G. Marconi, può essere un incentivo, andare là.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *