Ferrara

Ferrara

Il viaggio da Bologna a FERRARA dura solo mezz'ora di treno. Era la residenza dei principi d'Este, una dinastia eccentrica, che durante il Rinascimento ha svolto un ruolo politico importante. La famiglia d'Este ordinò i migliori artisti del loro tempo e costruì la città, che, nonostante la popolazione relativamente bassa, era una delle più belle creazioni urbane di quel periodo e non ha perso nulla della sua bellezza fino ad oggi.

Quando il discendente se n'era andato, Gli d'Este furono costretti a cedere Ferrara al papato e ad andarsene per sempre. La vita a Ferrara si è praticamente estinta. I viaggiatori del Settecento trovarono strade vuote e fogne intasate brulicanti di zanzare. Da allora, Ferrara è risorta dal suo declino ed è diventata il centro di produzione di frutta della regione, come testimoniano ettari di terreno piantumato in ordine, alberi dalle cime degli alberi fuori città. È una tappa molto frequentata dai turisti che viaggiano da Bologna a Venezia, ma raramente rimani qui durante la notte, così la sera il centro resta tuo, quasi esclusivo, disposizione.

Accesso e alloggio

La stazione ferroviaria di Ferrara si trova proprio sul lato ovest delle mura della città ed è raggiungibile in dieci minuti percorrendo viale Cavour (o prendere l'autobus n 1 io 2) dal centro centrato intorno al castello. La stazione degli autobus si trova in Corso Isonzo. Un passaggio a volta conduce all'ufficio AAST in Piazza Municipio (codz. 9.00-13.00 io 14.30-19.00), che offre mappe e materiali turistici sulla città. A sud del castello corre Corso Porta Reno fino alle mura della città, principale via dello shopping della città, z arkadowym szpalerem pasticerrie, bar e boutique. Corso Ercole I d'Este corre in direzione opposta rispetto alle principali gallerie d'arte e parchi di Ferrara, mentre troppo, verso est, c'è un labirinto di vicoli che compongono il quartiere medievale della città.

La maggior parte degli hotel economici si possono trovare qui. Il San Paolo è di gran lunga il migliore, via Pescherie Vecchie 10 (• 0532/34402), dove una camera doppia costa 28 500 L; se risulta essere pieno, w Casa Artisti, via Vittoria 66 (• 0532/35314), io w Raiti, via Dell Scienze 13 (w 0532/464156), le stanze costano soldi 25000 L. Quando e in questi hotel non ci sono posti, generalmente puoi trovare qualcosa nella Nazionale, Corso Porta Reno 32 (• 0532/35210), dove costa la stanza 36000 L. C'è anche le Tre Coronne su Corso Porta Reno 70 (• 053235207) e Garibaldi al n. 77 (• 053226318), in entrambi i prezzi ca. 25000 L.

Un campeggio a Ferrara, Estense, si trova proprio sulla circonvallazione fuori dalle mura della città, accesso con l'autobus n 3. A nord di viale Cavour, in via B. Tisi e Garofalo 5, è un ostello della gioventù IYHF (• 0532/21098; Aperto 7.00-9.00 io 18.00-22.00; autobus n 1, 2 o 9), con letti dopo ca. 10000 L per i membri - ma aperto solo da aprile a ottobre.

Città

Il massiccio Castello Estense domina il centro della città (in estate tutti i giorni. 9.30-12.30 io 15.00-18.00, in inverno tutti i giorni. 14.00-17.00; 5000 L), costruito in risposta alla rivolta alla fine del XIV secolo. e a suo tempo riconosciuto come un risultato eccezionale nell'ingegneria militare. Ma dietro il cupo muro di mattoni fioriva la vita di corte, che ha sostenuto artisti come Pisanello, Jacopo Bellini, Mantegna, e i poeti Ariosta e Tassa. I principi d'Este erano una famiglia pragmatica, conoscere i modi per ottenere denaro: le tasse sono state mantenute a questo livello, in modo che le entrate superino leggermente le spese, i titoli ufficiali sono stati venduti, Furono raccolte le spese per il trasporto intorno al Pad e le truppe furono prestate a vari governanti di Napoli, Milano e Firenze.

Il primo d'Este, che vive a Ferrara, era Niccoló II: tonnellate ha commissionato la costruzione del castello, sebbene in realtà gli ultimi membri della famiglia fossero questi, chi l'ha decorata. Uno dei membri più famosi della famiglia era Niccoló III d'Este, che ha iniziato il suo regno in 1393 r. Divenne famoso per il mecenatismo delle arti e per le sue numerose relazioni amorose, ma un numero 27 bambini, a cui ha confessato, sembra esagerato, ma sicuramente ne ha generati più di un semplice erede legittimo, Ercole. Era anche un uomo spietato, di cui si è parlato, che aveva ucciso sua moglie Parisina e suo figlio, Ugo, nato da un'altra donna, quando scoperto, che hanno una relazione. Insieme a Ercole, governarono la Ferrara nel suo periodo di massimo splendore, altri due figli di Niccolò III., Leonello i Borso. Leonello era amico dell'umanista Alberti, ma divenne anche una caricatura del suo tempo, controllando l'oroscopo ogni mattina, cosa dovrebbe indossare. Borso amava la caccia e galoppava tra i boschi della Mesola in raso e gemme. Figlie di Ercol, Beatrice i Isabella, sposarono membri delle famiglie Sforza e Gonzaga, suggellando la posizione di d'Este come una delle dinastie rinascimentali più rispettate. Nipote di Ercolae, Alfonso I, ha sposato Lucrezia Borgia, che annoverava tra i suoi artisti e poeti Tiziano e Ariosta, e le tradizioni del mecenatismo furono mantenute dall'ultimo principe d'Este, Alfonso II, che ha invitato Tass e Guarini alla sua corte.

È difficile da credere, visitando il castello ora. Le stanze del castello riflettono in una certa misura lo splendore della famiglia; il salone deo giochi e il soggiorno furono decorati da Sebastiano Filippi con affreschi plafond, mostrando baccanali, incorniciato da una serie di figure per il wrestling o il lancio del disco. Generalmente, comunque fa freddo, edificio pieno di spifferi, e i sotterranei sono i più ricchi di storia, dove il mormorio dell'acqua nel fossato riporta alla mente i nemici d'Este: Ugo e Parisina furono imprigionati qui prima della loro esecuzione, mentre Terranta e Giulia d'Este furono trattenute per la maggior parte della loro vita dopo il tentativo di rovesciare Alfonso I.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *