Firenze – Santo Spirito i Carmine

Santo Spirito i Carmine

Una certa idea del ruolo della chiesa parrocchiale di Santo Spirito è data dal fatto, che quando nel XIV secolo. Firenze era divisa in quattro quartieri amministrativi, a lui è stata intitolata l'intera area a sud dell'Arno. Piazza Santo Spirito un po 'squallida, con stand fieristici e caffè, e strade circostanti, con fabbriche di mobili e sale espositive di antiquariato, insieme incarnano il carattere dell'Oltrarno, personaggio, che non è stato ancora corrotto dal turismo.

Non lasciatevi scoraggiare dalla facciata poco attraente della Chiesa di Santo Spirito: interni, uno degli ultimi progetti di Brunelleschi, ha spinto Bernini a definirla "la chiesa più bella del mondo". Le proporzioni sono così perfette, che sembrano decisamente volgari, eppure la pianta è estremamente sofisticata: una croce latina con una sequenza ininterrotta 38 cappelle e 35 colonne all'interno. L'altare maggiore è purtroppo coperto da un baldacchino barocco, ma questo è l'unico difetto nella mente di Brunelleschi. I migliori dipinti sono nei transetti: a destra la pala d'altare di Nerlich di Filippino Lippi, e nella sinistra St.. Monika i augustianki, attribuito ad Andrea Verrocchio. Vale anche la pena dare un'occhiata alla sacrestia, a cui si accede dal vestibolo dalla navata sinistra; entrambe le stanze furono progettate da Giuliana da Sangallo nel XV secolo.

Fuoco dentro 1471 r. ha distrutto l'intero monastero tranne il refettorio, dove ora ha sede la Fondazione Salvatore Romano (wt.-nd. 9.00-13.00; 1000 L, w nd. Entrata Libera); la collezione merita una visita per la selezione di sculture romaniche e l'enorme affresco della Crocifissione dell'opera dell'Orcagni e del suo studio.

SANTA MARIA DEL CARMINE

W 1771 r. l'incendio ha devastato il vicino monastero carmelitano e la sua chiesa di Santa Maria del Carmine, ma in qualche modo le fiamme risparmiarono gli affreschi di Masaccio nella Cappella Brancacci, serie di dipinti, che fa del Carmine uno dei principali monumenti fiorentini, e recentemente ha fornito al mondo dell'arte italiano una caratteristica controversia. Ebbene, la conservazione degli affreschi del Carmine è iniziata nel 1981 r. e un anno 1988 era praticamente quasi finito. Nel momento, quando queste parole sono scritte, tuttavia, gli affreschi rimangono oscurati, perché le autorità non possono / decidere, se rimuovere l'altare barocco, che si è rivelato coprire alcuni affreschi frammentari. I cinici dicono, che qualcuno tragga un grande vantaggio dal ritardo: che gli influencer vengano pagati per affittare scaffolding e altri costi collaterali.

Intorno iniziò la decorazione della Cappella Brancacci 1425 r. Masolino, e presto Masaccio lo raggiunse come centrocampista. Dopo poco tempo, l'insegnante ha imparato dallo studente, che in termini di sentire la trama del mondo reale, i principi di prospettiva e drammaturgia dei testi biblici illustrati superavano di gran lunga i suoi predecessori. (Pertanto, è difficile distinguere in luoghi, quello che ha dipinto Masolino, e cosa dà Masaccio - il diagramma nella cappella, di quali aree ciascuno di loro era responsabile). Molti artisti precedenti hanno affrontato il tema dell'esilio dal paradiso, ma nessuno dei due è riuscito a cogliere così chiaramente la disperazione e il pentimento dei due peccatori. Tre anni dopo, Masaccio morì, solo all'età di 27 anni, ma - come ha scritto Bernard Berenson - ,i suoi affreschi sono diventati… una scuola di pittura per artisti fiorentini ". Michelangelo venne qui per disegnare le scene di Masaccio e in un'occasione un giovane scultore furioso gli ruppe il naso, incapace di sopportare il suo comportamento condiscendente. Filippino Lippi ha concluso la serie dopo una pausa di sessant'anni, e il suo contributo di maggior successo è Liberation and. Pietro sul lato destro dell'arco d'ingresso.

San Miniato al Monte

La brillante facciata multicolore di San Miniato al Monte attira folle di visitatori dalla sponda meridionale dell'Arno alla collina; devo ammettere, che la chiesa supera anche le aspettative. San Miniato è l'edificio ecclesiastico più antico di Firenze dopo il battistero e il più bel tempio romanico della Toscana. Il patrono della chiesa, st. Minias, apparteneva alla comunità cristiana, che si stabilì a Firenze nel III secolo; la leggenda lo narra, che sono stati visti dopo il loro martirio, come il suo corpo solleva la testa mozzata attraverso il fiume, su per la collina fino a questo posto, dove in seguito fu costruito un tempio a lui dedicato. La costruzione dell'attuale edificio è iniziata nel 1013 r., con l'atto di fondazione del monastero di Cluny; una meravigliosa facciata in marmo nei suoi motivi geometrici - che allude al battistero fu aggiunta alla fine dell'XI secolo., sebbene il mosaico di Cristo tra la Vergine Maria e S.. Miniash è del XIII secolo.

Un interno con un coro rialzato su una piattaforma sopra una grande cripta (codz. 8.00-12.30 io 14.00-18.15) è diverso da qualsiasi altro in città, e la sua forma generale non è cambiata molto dalla metà dell'XI secolo. L'aggiunta di design principale è la Cappella del Cardinale del Portogallo, costruito nella navata sinistra come monumento al cardinale Giacobbe di Lusitania, morto a Firenze nel 1459 r. La sua cappella è un simbolo di cooperazione artistica: il design di base è stato realizzato da Antonio Manetti (Allievo di Brunelleschi), la lapide stessa è stata scolpita da Antonio Rossellino, e la decorazione del soffitto in terracotta è opera di Luca della Robbia. Nel resto della chiesa non devono mancare piatti da pavimento con motivi sofisticati, datato 1207 r., e il tabernacolo tra i gradini del coro, progettato in 1448 r. di Michelozza. La maggior parte degli affreschi sulle pareti delle navate è stata realizzata nel XV secolo.; i dipinti più estesi sono Scene della vita di S.. Benedetto in sacrestia, realizzato negli anni ottanta del XIV secolo. przez Spinella Aretino.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *