Firenze – Oltrarno – Palazzo Pitti

Firenze – Oltrarno – Palazzo Pitti

I visitatori di Firenze potrebbero trovare Arno un piccolo graffio nella struttura della città, ma da questo, quello che dicono i fiorentini, si potrebbe pensare, che la città è tagliata da un profondo burrone. La zona a nord del fiume è chiamata Arno di qua (Qui), e l'altra sponda del fiume Arno di la (tam), questo è Oltrarno; questa terminologia risale al Medioevo, mentre la parte meridionale era geograficamente più distinta di quanto lo sia oggi. Sebbene sia tradizionalmente un distretto artigianale, ci sono sempre state enclave di prosperità in Oltrarno e molte famiglie dominanti hanno deciso di stabilirsi qui. Oggi, sul fiume Borgo San Jacopo parallelo alla sponda sud, si trovano alcuni dei negozi più esclusivi della città, mentre le finestre delle case che si affacciano su via Maggio sono finestre stupefacenti per mobili di palazzo.

OD PONTE YECCHIO DO SANTA FELICITA

La strada diretta dal centro città al cuore dell'Oltrarno attraversa il fiume con il Ponte Vecchio, l'unico, che non è stato estratto dai nazisti in ritirata in 1944 r. Costruito nel 1345 r. al posto di un ponte di legno, Ponte Vecchio era sempre pieno di negozi sospesi sull'acqua, ma il monopolio dei gioiellieri risale solo al 1593 r., quando Ferdinando I sfrattò i macelli dei macellai. Durante il giorno, il ponte è pieno di turisti e ricchi acquirenti, ma quando le persiane cadono, il movimento continua, perché i commercianti di strada stanno allestendo le loro bancarelle, e il locale monolocale si raggruppa attorno al busto di Cellini, in attesa, che tipo di compagnia porterà loro il cielo.

Il motivo per lo sfratto dei macellai da parte di Ferdinando era a causa del fatto, che le fette di carne giacevano direttamente sotto il corridoio costruito dal Vasari che collegava Palazzo Vecchio e Palazzo Pitti. Attraverso un portico appositamente realizzato, il corridoio costeggia la vicina Santa Felicita, probabilmente la chiesa più antica di Firenze dopo San Lorenzo. Ricostruita nel XVI - quando la chiesa divenne una cappella medicea - e nel XVIII secolo. l'interno merita una visita per i dipinti del Pontorma nella Cappella Capponi (A destra, proprio fuori dalla porta). La sua tumulazione, su cui il corpo di Cristo è avvolto dall'azzurro del cielo e dai panneggi rosa, appartiene ai capolavori del manierismo fiorentino.

Palazzo Pitti

Il Palazzo Pitti, il più grande palazzo di Firenze, porta ancora il nome di un uomo, chi lo ha costruito, anche se i Medici ne entrarono in possesso più tardi. Luca Pitti era un eccezionale rivale di Cosimo il Vecchio e l'impulso per la costruzione di una nuova casa fu in gran parte il desiderio di superare i Medici. La costruzione del palazzo iniziò nel 1457 r., probabilmente progettato dal Brunelleschi, che lo ha fatto per il palazzo dei Medici: ma Cosimo rifiutò il progetto perché troppo esuberante. Il blocco centrale è stato costantemente ampliato fino all'inizio del XVII secolo., fino a raggiungere finalmente le sue proporzioni colossali oggi. Palazzo Pitti e i suoi meravigliosi giardini - Giardino di Bóboli - contengono sei musei separati, aperto dal martedì al sabato. 9.00-14.00, nd. 9.00-13.00. La quota di ammissione uniforme è 4000 L, ma il biglietto per il Museo degli Argenti dà diritto anche ad entrare al Museo delle Porcellane e alla Galleria del Costume.

GALLERIA PALATINA

Molti dei dipinti raccolti nel XVII secolo. dei Medici si trova oggi nella Galleria Palatina, composto da 26 camere appartamento al primo piano di un'ala del palazzo. Dopo gli Ufłizi, è la galleria pubblica più estesa di Firenze e bisogna dedicarci una buona mezza giornata.. A volte le immagini sono appese tre volte una sopra l'altra, proprio come una volta, quando vengono acquisiti, e non si sottomettono a nessuna regola di ordinamento, grazie a ciò ogni sala è estremamente diversificata - una bella alternativa ai metodi espositivi didattici dei musei moderni.

Il punto di forza della Palatina è l'arte del Cinquecento. - soprattutto le opere di Raffaello e Tiziano. Ci sono una mezza dozzina di squisiti dipinti di Raffaello qui, e un gruppo ancora più numeroso di opere eccezionali di Tiziano include alcuni dei suoi ritratti più penetranti, tra cui Pietra Aretino, wymuskanego Kardynała Ippolito de ‘Medici oraz wprawiający w zakłopotanie Portret Anglika, Immagine, che rende, che lo spettatore si senta ridotto ai suoi fattori primi, proprio come il modello. Presenta anche opere di Andrea del Sarto e Rubens, la cui allegoria della guerra è più sorprendente della maggior parte delle allegorie barocche. Lavori individuali, vale la pena cercarlo, è la sepoltura di Fra Bartolomea, L'approccio di Perugin allo stesso argomento, tondo Madonna con Bambino di Filippo Lippi, Amorino dormiente di Caravaggio e Giuditta e Oloferne di Allori, un dipinto contenente i ritratti del pittore, la sua amante e sua madre.

INNE MUZEA W PALAZZO PITTI

La maggior parte del resto del primo piano è occupata dagli Appartamenti Monumentali. Sale di rappresentanza Pittich; nel secolo scorso sono state completamente ristrutturate dalla famiglia dei principi di Loreto, ma l'attuale ristrutturazione rende impossibile apprezzarne il lavoro.

La Galleria d'Arte Moderna è un piano sopra, panoramica cronologica dell'arte prevalentemente toscana dalla metà del XVIII secolo. fare 1945 r. Le creazioni macchiaioli sono le più interessanti, il "ramo" italiano del movimento impressionista; il più sorprendente, tuttavia, è il notevole risultato nel campo del kitsch, nella specie della suora incinta di Antonio Ciseri.

Museo degli Argenti nel palazzo, a cui si accede dal cortile con giardino, non è - come suggerisce il nome - solo un museo degli argenti da tavola, ma una collezione di arti e mestieri di lusso in generale. I primi candidati ad ammirare i visitatori sono la collezione di antichi vasi di Lorenzo il Magnifico, esposto in una delle quattro sale al piano terra con magnifici affreschi. Tuttavia, più tardi è stata creata la mostra, maggiore è la discrepanza tra abilità artigiana e gusto, che ha guidato la sua mano; una volta raggiunta la fine della mostra di gioielli al primo piano, perderai la capacità di essere sorpreso o disgustato.

I visitatori senza interessi specialistici saranno probabilmente deliziati dagli altri due musei, attualmente aperti. In Galleria del Costume - sito in Palazzina della Meridiana, L'ala sud del XVIII secolo del Pittich - puoi ammirare l'abito, dove fu sepolta Eleonora di Toledo, anche se un'idea altrettanto buona è data dal ritratto di Bronzin a Palazzo Vecchio. Museo delle Porcellane, dall'altra parte del Giardino di Bóboli, contiene ben visualizzato, ma raccolto monotono.

GIARDINO DI BÓBOLI I BELWEDER

Creazione di un enorme giardino del palazzo, Giardino di Bóboli (codz. III, IV e X 9.00-17.30; V-IX 9.00-18.30; XI-II 9.00-16.30; Entrata Libera), è iniziato, quando i Medici presero la proprietà di Palazzo Pitti, e fu continuato fino all'inizio del XVII secolo. È l'unica vasta area verde del centro, quindi può essere affollato intorno ai cancelli; verso il centro del giardino invece diventa più calmo, per molti sono scoraggiati dalla ripida pendenza dei vicoli.

Di tutte le decorazioni manieriste del giardino, la Grotta del Buontalenti è la più famosa, vicino all'ingresso, a sinistra della facciata del palazzo, accanto alla figura del nano di corte Cosimo I. (su migliaia di cartoline). Tra le false stalattiti ci sono i pastori e le pecore, che sembrano spugne calcificate, e negli angoli ci sono le repliche degli Schiavi di Michelangelo, sostituzione degli originali, che sono stati qui fino a 1908 r. Si trova nelle profondità più profonde della grotta (normalmente visibile solo da dietro le ringhiere) Venere Giambologni, che l'entourage dei nani ha deriso.

Enorme anfiteatro, di fronte al cortile del palazzo, è stato progettato nel 17 ° secolo. come arena per le feste medicee, sul sito di un giardino a forma di circo romano, precedentemente progettato dall'Ammannati. All'altra estremità dei giardini, il focus è su un'isola su una fontana chiamata Isolotto; è meglio andarci lungo il viale principale dei cipressi, chiamato Viottolone, decorato con una fila di sculture, compresi molti originali romani. Andando avanti, direttamente dalla fontana si arriva a Porta Romana, che prende il nome dalla porta trecentesca sulla via esterna.

Di solito è possibile uscire dai giardini attraverso il cancello che porta al Forte di Behedere (codz. 9.00-20.00; Entrata Libera), fortezza a forma di stella, costruito su ordine di Ferdinando I sec 1590 r. presumibilmente per la difesa della città, ma appunto per intimidire i sudditi fiorentini del Granduca. A volte si tengono mostre d'arte nel palazzo in scatola al centro della fortezza, ma raramente forniscono impressioni più interessanti dell'incredibile panorama della città che si estende da lì. Costa San Giorgio conduce al forte, che inizia alle spalle di Santa Felicita. Ad est del belvedere si trova il tratto meglio conservato delle mura fortificate, costeggiato da via di Belvedere., attraente, seppur faticoso itinerario per San Miniato.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *