FRIULI – JULIAN VENEZIA (FRIULI VENEZIA GIULIA)

Complessità geografica del Friuli Venezia Giulia, quasi ottomila chilometri quadrati di alpeggi, altopiano calcareo, le pianure alluvionali e la costa della piattaforma si riflettono nella sua diversità sociale. Il nord montuoso è etnicamente e linguisticamente alpino; l'antica cultura contadina friulana, sebbene attualmente in declino, dona comunque una certa coerenza alle zone a sud delle montagne; Udine sembra veneziana, simpatia, dormire nelle lagune dell'Adriatico, Bizantino-veneziano; a sua volta Aquileia (Aquileia), pochi chilometri a nord di loro, è ancora saturo del passato romano e paleocristiano. Sam Trieste, la capitale della regione, è una città asburgica, elevato con capitale austriaca al ruolo di grande porto meridionale dell'impero. Nello spirito e nell'aspetto, assomiglia più a Lubiana che a qualsiasi città friulana, tranne Gorizia (Gorizia).

Se la regione ha qualche denominatore comune, questo è diverso dalla percezione popolare dell'Italia, che cresce man mano che ti sposti verso est. Quest'area è sempre stata un ponte tra il mondo mediterraneo e l'Europa centrale; inizia questa creazione multinazionale indefinita, almeno alcuni dicono, w Monfalcone, a nord di Trieste. La regione era già civilizzata, già saccheggiata dagli invasori dall'oriente, ovest e nord, dai romani, Unni, Pronto, Longobardów, Cosacchi e nazisti. Al suo culmine, Venezia copriva la costa e la pianura fino a Udine; Napoleone ha preso il testimone dopo la Repubblica di Venezia, e poi gli Asburgo.

Questi cambiamenti di proprietari del 19 ° secolo furono relativamente indolori. Non era così nel nostro secolo. Il Carso è stata una delle battaglie più brutali della prima guerra mondiale (altopiano dietro Trieste), dove i proiettili di artiglieria frantumarono il calcare, e le colline sono ancora tagliate da trincee. Enormi monumenti commemorativi alle vittime sono una caratteristica permanente del paesaggio: le ossa riposano a Oslavia vicino a Gorizia 60000 soldati, w Redipuglia 100000, w Udine 25 000.

Durante la seconda guerra mondiale, la perdita di vite umane è stata inferiore, ma qui regnava il terrore. Fascismo italiano, alimentato da un diffuso e di lunga data anti-slavismo, è stato particolarmente intenso a Trieste, e la città aveva l'unico campo di concentramento del paese. Uno dei capitoli più strani della guerra si è svolto nel nord della provincia di Udine: Le truppe cosacche fecero un'alleanza con i nazisti e invasero Karnia in cambio di una promessa, che quando la situazione del Reich si stabilizzò, I cosacchi riceveranno territorio lungo i monti carnici. Il conflitto di confine tra Italia e Jugoslavia non è stato risolto fino a quando 1970 r. e la regione rimane una delle più militarizzate d'Europa.

Anche se i friulani vogliono la cittadinanza italiana (non vogliono essere jugoslavi), non si preoccupano dell'identità italiana. Hanno le loro usanze e tradizioni, sono convinti del loro valore e non sembrano preoccuparsene, che impressione fanno sugli estranei. Dialetto locale, friulano, Ora sta subendo una rinascita ufficiale: molti segnali stradali sono bilingue, una Società Filologica Friulana di Udine pubblica numerose pubblicazioni nella versione in lingua friulana. (Pier Paolo Pasolini, cresciuto a Casarsa vicino a Pordenone, scrisse le sue prime poesie in Friulano.) La condizione economica della regione è abbastanza buona: Bene Udine e Pordenone, Trieste è un hub per il trasporto di container e sta diventando anche un centro per la tecnologia informatica e l'elettronica. Anche un catastrofico terremoto ha avuto i suoi benefici, perché i sussidi governativi concessi alla regione all'epoca sostenevano un'ampia gamma di piccole imprese di ogni tipo. Sono sorte diverse località di villeggiatura sull'Adriatico e in montagna, ma pochi posti in Friuli Venezia Giulia hanno già acquisito una patina turistica.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *