Parma

Parma

PARMA è considerata la città con il più alto tenore di vita di tutta Italia. Il ritmo tranquillo della vita, il numero di ristoranti e l'atmosfera generale dell'abbondanza provinciale lo rendono piacevole, anche se un'atmosfera un po 'blanda, che è più facile da apprezzare, se vieni da sud. Tuttavia, questa non è una destinazione da sogno per un turista parsimonioso: gli hotel economici di solito sono pieni, e la gastronomia può rompere i soldi. Dopo tutto, è una bella città, offrendo molto da guardare. Una visita al teatro dell'opera può essere una vera esperienza: il pubblico è considerato uno dei più esigenti dopo la Scala e non nasconde i suoi sentimenti nei confronti degli interpreti inetti. E tra le opere d'arte della città c'è l'eredità di due importanti artisti rinascimentali: Correggia e Parmigianina.

Accesso e alloggio

La stazione ferroviaria di Parma si trova a 15 minuti a piedi da Piazza Garibaldi, la piazza principale della città; puoi anche prendere l'autobus n 1,8,9 o 12. La stazione degli autobus locale si trova sul fiume, nei pressi dell'incrocio tra viale IV Novembre e viale P. Toschi. EPT jest na Piazza Duomo (pn.-pt. 9.00-12.30 io 15.00-18.00, sb. 9.00-12.30). Trovare un alloggio può essere problematico. W Ostello Cittadella IYHF na via Passo Buole (w 0521/581546; aperto da aprile a ottobre) il prezzo è intorno 9000 L (senza colazione) e la reception è aperta tutto il giorno, ma da 10.00 fare 17.00 è vietato sostare nelle camere; il silenzio notturno inizia alle 23.00. Accesso con l'autobus n 2 (20.00-0.00 bus notturno E). Ci sono alcuni hotel intorno a Piazza Garibaldi e dall'altra parte del fiume dal lato dell'università (autobus n 3 z Piazza Garibaldi). Un'altra possibilità è Concari in Piazzale Santa Croce 9 (• 0521/295865), con il doppio dopo 27 000 L, e anche gli hotel di via Gramsci, strada di uscita principale, per esempio.. Amorini, no 37 (* 0521/93239), due dopo 32000 L, o II Sole, no 15 (w 0521/995107) - due dopo 26000 L. Ci sono altre due possibilità più vicine al centro: Farini, via Salina 3 (» 0521/34440), le Fontane di Piazza Le Carbone 1 (* 0521/282563) - in entrambe le stanze dopo 25000-31 000 L. Più vicino alla stazione, l'albergo meno cupo è il Brozzi, via Trento 11 (0521/771157) - due 28 500 L.

Città

Il cuore di Parma è Piazza Garibaldi con molti caffè: qui e tra vicoli e vicoli, in partenza a ovest ea sud della piazza, la vita notturna della città è concentrata. Il Palazzo del Govematore è adiacente alla piazza, alle spalle della quale sorge la rinascimentale chiesa della Madonna della Steccata, per la cui realizzazione il progetto della Basilica di S.. Peter Bramante. All'interno si trovano affreschi di molti pittori del XVI secolo, Tra questi spiccano i dipinti di Parmigianin, che ha dedicato gli ultimi dieci anni della sua vita a questo lavoro, fino a quando non è stato licenziato dalle autorità ecclesiastiche insoddisfatte per non aver rispettato i termini del suo contratto. Un anno dopo è morto, all'età di 37 anni, e secondo Vasari, prima di morire si rivolse all'alchimia e divenne "un uomo quasi barbaro o selvaggio".

Ci vogliono solo cinque minuti, a sinistra di Strada Garibaldi vi troverete in Piazza Duomo, facente parte del vecchio centro episcopale, lontano dalle vie dello shopping del centro. Bellissimo Duomo in stile romanico lombardo (Chiuso.

12.00-15.00), risalente all'XI secolo, ospita le prime opere del Parmigianin nel transetto meridionale, realizzato durante l'apprendistato con il Correggio, che a sua volta dipinse l'Assunta sulla cupola centrale. È stato completato in 1534 r. l'opera è una delle più famose dell'eredità del Correggio: La Beata Vergine galleggia sopra il mare delle membra, viso e drappeggi ondulati, che a suo tempo ha causato completo stupore nei commenti. Uno dei contemporanei ha paragonato l'immagine a "cosce di rana tritate", e Dickens lo prese, che qualcosa di simile non sarebbe stato inventato da un "chirurgo pazzo in uno stato di delirio più selvaggio". Il pagamento per l'affresco fu pagato maliziosamente con un sacco di monetine, perché il Correggio era noto per essere avaro. Fama lo è, che quando portava il sacco a casa con il caldo, ha avuto la febbre ed è morto all'età di 40 anni. In realtà, l'artista morì quattro anni dopo, w 1530 r., nella sua città natale.

Un'altra opera del Correggio è visibile sulla cupola della Chiesa di San Giovanni Evangclis-ta dietro l'affresco del duomo raffigurante la Visione e. Jana na Patmos. Camera di San Paolo in un ex monastero benedettino nei pressi di via Melloni, pochi minuti a piedi verso nord, è stata affrescata dal Correggia 1518 r.; l'artista presenta qui la badessa, chi ha ordinato l'opera d'arte, come la dea Diana (sopra il camino).

Più interessante, invece, è il battistero ottagonale della cattedrale (codz. 9.00-13.20 io 15.00-19.00; 3000 L), intarsiato con marmo rosa Verona, un edificio con un'altezza di quattro piani, circondato da un anello di sculture e sormontato da esili torri. Tre portali riccamente scolpiti sono un frequente luogo di incontro la sera. Questo edificio rappresenta uno stile di transizione tra romanico e gotico ed è considerato l'opera più bella di Benedetto Antelami, chi l'ha fatta entrare 1196 r. Antelami ha scolpito un fregio che circonda l'edificio, fece anche rilievi all'interno, comprese quattordici figure che rappresentano i mesi e le stagioni. Dopo aver salito la scala a chiocciola, si possono osservare più da vicino gli affreschi della volta a crociera, dipinto da un artista sconosciuto del XIII secolo. Gli interni sono attualmente in fase di accurata pulizia e restauro, quindi può essere chiuso, ma la manutenzione dovrebbe essere completata a breve.

Andando ad est della piazza del Duomo, arriverete al Museo Glauco-Lombardi in via Garibaldi 15 (wt.-sb. 9.30-12.00; 16.00-18.00; 15.00-17.00 inverno; nd. 9.30-13.00; 2000 L), che fa rivivere i vecchi tempi mostrando i cimeli di Maria Ludwika d'Austria, governando qui dopo la sconfitta di suo marito, Napoleone, pod Waterloo. L'imperatrice si stabilì a Parma nel 1816 r., quando il Congresso di Vienna le concesse il Ducato di Parma. Come dice la tradizione, Maria Ludwika incrementò la produzione dei profumi alla violetta di Parma.

Dopo aver percorso da qui Piazza Marconi, è impossibile non notare il più grande monumento di Parma, Palazzo della Pilotta, circondato da un enorme parcheggio. La costruzione iniziò nel XVI secolo. Alessandro Famese, i bombardamenti dell'ultima guerra ridussero il palazzo a una crosta, ma fu successivamente ricostruito e oggi ospita numerosi musei parmensi. Come Paolo III, Alessandro Famese fu uno dei papi più astuti del Rinascimento, e durante il suo pontificato incorporò Parma e Piacenza nello Stato pontificio per il figlio dissoluto Pierluigi. Il palazzo fu costruito solo per Pierluigi, ma fu assassinato prima che la costruzione fosse completata.

All'interno si trova la principale galleria d'arte di Parma, Galleria Nazionale (wt.-nd.

9.00-19.30; 5000 L, il biglietto permette anche l'accesso al Teatro Farnese), una mostra moderna con opere successive di Correggio e Parmigianin, oltre a tele eccezionali di Carracci - gli Apostoli presso la tomba e la sepoltura della Vergine - sospese su gru a ponte in cima all'edificio, travolgente per la sua grandezza. Teatro Farnese, attraverso il quale si passa per la galleria, situato nell'ex armeria del palazzo; durante i bombardamenti 1944 r. è stato quasi completamente distrutto, e poi ricostruito. Le file semicircolari di sedili in legno su tre livelli sono modellate sul Teatro Olimpico Palladia di Vicenza, qui è stato installato anche il primo palco girevole in Italia. Museo Nazionale di Antichita piętro wyżej (wt.-sb.

9.00-14.00, nd. 9.00-13.00; 2000 L) non è un monumento così importante, ma vale la pena dare un'occhiata sia ai reperti della città etrusca di Velleia che alle città preistoriche sui laghi intorno a Parma, e sul piano del tavolo, su cui l'imperatore Traiano ha scarabocchiato un elenco dei suoi doni per i poveri.

Dall'altra parte del fiume, naprzeciw Palazzo della Pilotta, si estende fino al Parco Ducale, complesso di giardini istituito nel XVIII secolo. intorno a un palazzo del XVI secolo costruito per Ottaviano Farnese. Casa di Toscanini, appena a sud su Borgo R.. Tanzi (codz. 8.30-12.00 e mercoledì. è B. 15.00-18.00), questo è solo uno dei monumenti, che rievocano le forti tradizioni musicali della città. Il compositore è nato in questa casa, e ha debuttato al locale Teatro Regio. Ancora più a sud, sullo stesso lato del fiume, è il cimitero della Villetta, dove riposa sotto il baldacchino il corpo imbalsamato di Niccolò Paganini.

Gastronomia, Vita notturna… e qualche notizia sulla musica

Parma non è famosa per la sua vita notturna, poiché la gente del posto preferisce fare lunghe sessioni in una varietà di posti (e perfetto) ristoranti o andare a teatro o all'opera. Potete provare la cucina locale al Ristorante Aurora in vicolo Sant'Alessandro. Buono anche il Cafe Escandalo in via della Repubblica 86. Gli amanti dell'opera vengono al Cannon d'Oro, via N. Sauro 3, costoso, ma un ristorante interessante. Si mangia più a buon mercato dall'altra parte del Ponte di Mezzo nelle pizzerie di via Massimo d'Aseglio, e vicolo Grossardi è uno studente mensa.

Una delle migliori compagnie teatrali d'Europa si trova in viale Basetti, Colletivo di Parma, che si esibisce da ottobre a giugno al Teatro Due, viale Basetti 12a (0521/208088) e nelle sue rappresentazioni attinge alla tradizione della commedia e del teatro politico; uno dei suoi creatori è stato Dario Fo. L'opera gioca un ruolo importante anche a Parma, situato nel Teatro Regio di via Garibaldi (0521/795690) e famoso per il suo pubblico istruito.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *