Ravenna – San Vitale e dintorni

Ravenna – San Vitale e dintorni

Per quanto riguarda i monumenti, è senza dubbio il quartiere più emozionante che puoi raggiungere in dieci minuti, in direzione nordovest del centro attorno alla Basilica di San Vitale (codz. 8.30-19.00), dove si trovano i mosaici più belli della città.

San Vitale, iniziato il 525 r. durante l'imperatore romano Teodorico, e completato in 548 r. dal sovrano bizantino Giustiniano, è piuttosto una tipica chiesa bizantina, e lo sviluppo dello spazio ispirato a concetti orientali e la distribuzione di luce e buio erano precedentemente sconosciuti in Italia. I bizantini avevano un approccio geometrico all'architettura, chiamandola "l'applicazione della geometria alla materia solida", come si può vedere da questa struttura basata su due ottagoni concentrici, con una cupola centrale sostenuta da otto colonne e otto rientranze lungo il perimetro, uno dei quali è un'abside semicircolare luccicante di mosaici. Contemporaneamente furono costruite la Chiesa di San Vitale e una delle chiese più famose al mondo, Hagia Sophia.

C'erano regole rigide, chi appare dove sui mosaici - più in alto e più a est, più importante e santa è la figura. La serie inizia con scene dell'Antico Testamento sulle lunette semicircolari del coro; Cristo è visibile sull'arco trionfale, Apostoli e figli di San Vitale. Nell'emisfero absidale, il Cristo imberbe si trova tra due angeli e presenta un modello della chiesa a San Vitale e al vescovo Ecclesio. L'artista però ha evitato il rigido ieratismo, ravvivando il lavoro con campi e fiumi, dove brulicano le rane, aironi e delfini.

Porta qualche centinaio con te- e due barili per l'illuminazione, soprattutto i mosaici sulle pareti laterali dell'abside. I due mosaici processionali sono i ritratti meglio conservati di Giustiniano e di sua moglie Teodora, ottimi esempi della tecnica musiva bizantina. I cubi delle tessere di vetro sono disposti in file, ogni secondo da un'angolazione diversa, per variare il riflesso della luce e dare l'impressione di profondità. Il colore è usato simbolicamente, lo sfondo dorato significa santità o stato elevato. Come ulteriore simbolo di superiorità, il piede di Giustiniano fu posto sul piede del suo generale, Belisario, che ha riconquistato Ravenna Gotom.

La Teodora riccamente vestita sembra severa, ed era davvero famosa per la sua fredda crudeltà, organizzare le "sparizioni" di tutti, chi si è opposto a lei. Nel VI secolo. Una storia, cioè una storia segreta, scrive il cronista Procopio, che la sua carriera era vertiginosa. Da bambina, lei e le sue due sorelle si guadagnavano da vivere come prostituta e artista circense, poi è diventata una cortigiana ed è apparsa in perverse performance erotiche. Ha viaggiato in Medio Oriente, e al suo ritorno attirò l'attenzione dell'Imperatore Giustiniano. Per lo sgomento della corte, rifiutò le figlie dei suoi romani pari a lui e visse con Teodora, elevandola al rango di patrizio. Non gli era permesso sposarla, fino alla morte dell'Imperatrice Madre e la legge non fu cambiata; dopo il matrimonio, la coppia iniziò un periodo di governo caratterizzato da estrema corruzione e saccheggi sotto le spoglie della legge.

Separato da un prato dalla basilica è il minuscolo Mausoleo di Galla Placidia (codz. 8.30-19.00), prende il nome dalla sorellastra di Onorio, a cui Ravenna deve gran parte del suo primo splendore, ma nonostante il nome ei tre sarcofagi all'interno, è improbabile, che ci siano mai i suoi resti nell'edificio. Galla Placidia è stata catturata, quando i Goti saccheggiarono Roma, e ha causato uno scandalo nel mondo romano sposando uno dei suoi rapitori, Ataulfa; lo ha poi accompagnato nelle battaglie, mentre il suo esercito avanzava a sud. Successivamente, hanno governato insieme sul regno gotico; quando Ataulf è stato assassinato, I romani comprarono la Gallia per il grano, dopo di che fu costretta a sposare il generale romano Costanzo. Il loro figlio fu incoronato imperatore Valentiniano III all'età di sei anni e, come suo reggente, Gallo, prese il potere sull'Impero d'Occidente.

All'interno dell'edificio, la luce che filtra dalle strette finestre di alabastro cade sui mosaici con una lucentezza blu scuro, realizzato in uno stile precedente rispetto ai lavori nella basilica, con numerosi motivi romani e naturalistici. Ci sono stelle intorno alla croce d'oro sulla volta; quattro volumi del Vangelo sono sugli scaffali di un piccolo armadietto, ci sono anche raffigurazioni simboliche degli apostoli - il leone di S.. Marco e il bue di S.. Luca - situato nel cielo al posto delle costellazioni corrispondenti. Alle estremità vi sono rappresentazioni di S.. Lawrence con una grata, su cui è morto martire, e il buon pastore.

Da sud è adiacente alla Chiesa di San Vitale, Museo Nazionale delle Antichità ospitato negli ex chiostri (wt.-nd. 8.30-13.30), compresi gli elementi di epoche successive; quindi, accanto al primo vetro bizantino, puoi vedere icone e ricami fiorentini del XV secolo qui. Uno dei reperti più accattivanti è la statua di Ercole che cattura un cervo, VI w., forse una copia di un originale greco e un esempio molto tardo di ispirazione classica tematica, così come il cosiddetto. Classe Woal, decorato con ritratti di vescovi veronesi dell'VIII e IX secolo.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *