Venezia – San Marco – Palazzo Ducale

Venezia – San Marco – Palazzo Ducale

IV-pol.X pn.-sb. 8.30-18.00, nd. 9.00-13.00; metà ottobre - marzo tutti i giorni. 8.30-14.00; 5000L.
Palazzo Ducale (Palazzo Ducale) era molto di più, solo la residenza del Doge. Qui si trovavano tutti gli organi del governo di Venezia, numerosi tribunali, uffici di molti funzionari governativi, e persino prigioni. La città era governata da un intricato sistema di comitati e consigli eletti, che doveva limitare il potere degli individui, ma per l'ultimo 500 anni di esistenza della Repubblica, solo i membri di queste famiglie, che sono stati iscritti nel registro delle nascite e dei matrimoni nobili, chiamato Libro d'Oro (Il libro d'oro), avevano il diritto di partecipare al potere.

Il capo della città era il Doge, l'unico politico, che era un membro di tutti i principali consigli di stato, e unico, che è stato eletto a vita. Perché la sua influenza sulla politica statale e sul personale potrebbe essere schiacciante, sono state introdotte restrizioni, che dovevano ridurre il rischio di abuso di potere, per esempio.. le sue lettere sono state lette dai censori, e accettava delegazioni straniere solo in compagnia di altri funzionari. Privilegi, cosa offriva questa posizione, erano però molto più numerosi di questi inconvenienti ei candidati alla carica di Doge conducevano instancabilmente la loro "campagna elettorale"” per anni.

Così è San Marco, sin dal suo inizio all'inizio del IX secolo, Il Palazzo Ducale è stato ricostruito più volte. Il palazzo iniziò ad avvicinarsi alla sua forma successiva nel corso dell'anno 1340, quando fu eretto il nuovo edificio per il Maggior Consiglio (Ottimo consiglio). Nuova costruzione, costruito parallelamente alla riva, è stata consacrata nell'anno 1419. Tre anni dopo, fu presa la decisione di estenderlo più in profondità nella Piazzetta. Nuova ala, mantenuto nello stesso stile, come la parte più vecchia (le colonne sono solo leggermente più spesse qui), vi entra in contatto con il simbolo della ruota della giustizia.

Ingresso principale al palazzo, Porta della Carta, è una delle più grandi opere gotiche della città. La Porta Ducale Francesco Fóscari commissionò i fratelli Bartolomeo e Giovanni Bon 1438, ma le figure del Doge Fóscari e del leone sono repliche. Gli originali sono stati distrutti in un anno 1797 per ordine del maestro della corporazione dei muratori, che così voleva compiacere Napoleone.

Il corridoio d'ingresso al palazzo termina all'Arco Fóscari, che i fratelli Bon avevano iniziato (anche per volere del Doge Fóscari), e si concluse pochi anni dopo la morte del Doge Antonio Rizzo e Antonio Bregno. Nell'anno 1483 l'incendio ha distrutto la maggior parte dell'ala, visibile da qui, e ha dato l'incarico a Rizzo, che ne ha progettato uno nuovo, scala enorme (Scala dei Giganti) e gran parte della nuova ala. La ricostruzione fu proseguita da Piętro Lombardo, Spavento, Scarpagnino, a Bartolomeo Monopola ok. anno 1600 pose le arcate lungo gli altri due lati e completò così il cortile.

Puoi attraversare le grandi parti di Palazzo Ducale in tempi relativamente brevi. Le pareti sono ricoperte da ettari di tele, ma molti di loro possono essere trattati come abbastanza faticosi per gli esercizi di chi guarda nel rendere omaggio al Doge e adorazione di sé degli artisti. Ma è un peccato guardare alcune feste troppo brevemente, e quindi in alta stagione è bene acquistare il biglietto entro e non oltre mezz'ora dall'apertura. Perché i lavori di manutenzione del palazzo sono costantemente in corso, e le autorità del museo non lo rendono pubblico, quale parte è attualmente chiusa, c'è sempre un rischio, che in un dato giorno è impossibile vedere nessuno dei dipinti più importanti.

Una delle prime stanze, attraverso cui passano i turisti, c'è una sala d'attesa per gli ambasciatori, Anticollegio, dove hanno dovuto attendere l'ammissione da parte del Doge e dei membri del suo gabinetto. È anche una delle stanze più ricche del palazzo con buoni dipinti: quattro quadri del Tintoretto sono appesi alle pareti della porta, e sul lato opposto alle finestre, la tipica tela mite del Ratto Veronese d'Europa.

Veronese è anche autore di una serie di dipinti sulla volta della vicina Sala del Collegio e di gran parte delle decorazioni nel salone più imponente del palazzo, Sala del Maggior Consiglio. Dipinto del suo pennello sul soffitto, L'Apoteosi di Venezia, torreggia sul podio, dove il doge sedeva e presiedeva le riunioni del consiglio comunale. C'è un enorme paradiso dietro il podio, che Tintoretto dipinse alla fine della sua vita con l'aiuto del figlio Domenico. Sul lato opposto della stanza, sul fregio, furono collocati una serie di primi ritratti 76 dogi (altri ritratti sono nella Sala dello Scrutinio, dietro la porta in fondo alla stanza). È interrotto da un velo nero dipinto sul posto, dove dovrebbe essere il ritratto del Doge Marina Falier. Questo perché questo è un anno 1355 complottò contro lo stato e fu giustiziato per questo.

Quindi, przez Ponte dei Sospiri (Ponte dei Sospiri), discende al polo quasi opposto dello stato veneziano, alla prigione. Prima, all'inizio del XVII secolo,. questi obiettivi sono stati costruiti, i prigionieri venivano tenuti nella soffitta del Palazzo Ducale, nel cosiddetto. Piombi (Condurre), e sui due piani inferiori del palazzo, a Pozzi (Wells). Al contrario, nella nuova prigione venivano tenuti per lo più piccoli criminali. Chi fosse interessato può visitare Piombi e le sale, in cui l'amministrazione di Venezia funzionava quotidianamente. Devi unirti al gruppo, che la tua guida ti porta in giro per Itincrari Segreti del Palazzo Ducale (è una serie di uffici e corridoi, che completano la parte del palazzo aperta al pubblico). I biglietti non sono economici (5000L), e la guida parla solo italiano, ma quando qualcuno capisce questa lingua almeno un po ', è qualcosa che vale la pena consigliare. I biglietti possono essere prenotati per telefono (• 5204287), e gli orari di partenza dei gruppi sono indicati sui manifesti.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *