Venezia – San Polo

Venezia – San Polo

Per motivi pratici, un quartiere, che abbiamo chiamato SAN-POLO, denota un'area circa due volte più grande del sestiere omonimo, e include, tra gli altri. buona parte del sestiere di Santa Croce e un frammento di Dorsoduro, ed è delimitato dai canali Granda e Rio Nuovo-Rio di Ca'Fóscari (Scorciatoia, I tram Diretto passano). Questi canali sono difficili da attraversare inconsapevolmente, che può essere fatto facilmente per i confini dei sestieri.

Rialto

L'area di costruzione relativamente stabile e la favorevole posizione difensiva attirarono alcuni dei primi coloni veneziani sulla riva alta (rivo alto) sul canale Granda, che in seguito divenne il quartiere di Rialto. La vita politica della città ruotava intorno a San Marco, mentre Rialto era un centro commerciale. La prima banca statale in Europa è stata aperta qui nel XII secolo, ei finanzieri che all'epoca risiedevano in questo quartiere furono tra le figure più importanti delle borse internazionali almeno per i successivi tre secoli. C'erano anche uffici statali, che ha guidato tutti gli affari marittimi, e all'inizio. Cinquecento nel recentemente eretto Palazzo dei Camerlenghi (al Ponte di Rialto) furono collocati gli uffici del Ministero delle Finanze.

Rialto è stato anche un esempio dello stretto rapporto tra ricchezza e declino morale. Il censimento effettuato alla fine del XVI secolo mostrava ca. 3000 patrizio, ma finita 11 000 prostitute, la maggior parte viveva nel distretto dei banchieri. Personale di uno dei bordelli di Rialto, Casteletto, era conosciuto soprattutto per i suoi talenti letterari, musica, per non parlare della tecnica dell'amore, e il costante bestseller di Venezia era l'elenco con gli indirizzi ei prezzi dei servizi delle cortigiane più attraenti della città.

Grazie alla fiera che si tiene a Rialto, Venezia si è guadagnata il nome di bazar d'Europa. Potresti comprare o vendere praticamente qualsiasi cosa qui; materiali, Gemme, piatti d'argento, gioielli d'oro, spezie e coloranti dall'Oriente. Dopo più di quattro secoli dalla fondazione della fiera locale, nell'anno 1514 c'era un incendio qui, che ha effettivamente consumato l'intero quartiere, tranne la chiesa. È stata quindi considerata la possibilità di trasferire il centro commerciale altrove, ma perché tali voci non erano supportate, la ricostruzione è iniziata immediatamente. Cinque anni dopo l'incendio, le Fabbriche Vecchie furono completate (edifici con portici in Ruga degli Orefici e intorno a Campo San Giacomo), e trent'anni dopo realizzati su disegno del Sansovino Fabbriche Nuove (lungo il Canal Grande, a cominciare da Campo Cesare Battisti).

Oggi il mercato di Rialto è più calmo di quando era al suo apice a Venezia, ma è ancora uno dei luoghi più vivaci della città, e anche uno dei pochi posti, dove si sente quasi solo l'italiano. C'è una folla di venditori di souvenir presso la chiesa e sulla Ruga degli Orefeci, mentre il mercato reale è un po 'più lontano, verso il Canal Grande. Consiste di bancarelle di frutta intorno a Campo San Giacomo, bancarelle di ortaggi e macellerie su Campo Battisti e dal mercato del pesce (le fiere sono praticamente aperte fino al 13.00, ma alcune bancarelle aprono anche nel tardo pomeriggio). Ci sono grandi negozi di formaggi all'incrocio tra Ruga degli Orefici e Ruga Vecchia San Giovanni, a na Ruga Vecchia, tra commercianti di kitsch, c'è anche una serie di buoni alimentari.

Ce l'ha una leggenda conosciuta a Venezia, che la città è stata fondata esattamente a mezzogiorno di venerdì, 25 marca 421 anno, e che nello stesso anno fu edificata la Chiesa di San Giacomo di Rialto (codz. 10.00-12.00), che sarà il più antico di Venezia. Non è escluso, ma è un dato di fatto, che la chiesa fu ricostruita in un anno 1071 e parte della chiesa odierna, per esempio.. sei capitelli veneto-bizantini, colonne in cima all'antico marmo greco, viene da questo periodo. Partendo da Rialto lungo il Canal Grande si entra nel quartiere, in cui è difficile orientarsi, anche per gli standard veneziani. Una passeggiata nella zona tra il Rio delle Baccerie e il Rio di San Degola offre una forte esperienza estetica anche per gli amatori molto esigenti di paesaggi pittoreschi, perché ogni tanto ti imbatti in botteghe strette in stanze a un piano o situate in giardini adiacenti al canale.

Uscendo da Rialto, di solito si passa davanti alla Chiesa di San Cassiano (pn.-sb. 9.45-11.30 io 16.30-19.00). Dall'esterno sembra un fienile, ma al suo interno nasconde tre tele del Tintoretto: Risurrezione, Discesa negli abissi e Crocifissione. I primi due sono in fase di ristrutturazione, ma il terzo, scena insolita, non dominata dalla croce, e attraverso la scala, su cui stanno i torturatori di Cristo, è uno dei dipinti più belli di Venezia.

Vicino (l'accesso segnalato inizia a San Cassiano) Ca 'Pesaro sorge, che ospita la Galleria d'Arte Moderna (wt.-sb. 10.00-16.00, nd. 9.30-12.30; 2000L) i Museo Orientale (wt.-sb. 9.00-14.00, nd. 9.00-13.00; 2000L). La maggior parte delle collezioni contemporanee sono opere di artisti italiani non conosciuti, acquistate alla Biennale, mentre i prodotti laccati di proprietà della galleria orientale, armatura, Scudi, armi ecc.. interesseranno principalmente gli specialisti.

Campo San Polo e dintorni

La seconda piazza più grande di Venezia è Campo San Polo. In passato, a volte veniva utilizzato come arena per la corrida, ospitava una fiera settimanale e talvolta mercati più grandi. Attualmente funziona come un centro di vita sociale e uno stadio sportivo per i bambini.

Il cupo interno della Chiesa di San Polo (pn.-sb. 7.30-12.00 io 16.00-19.00, nd. 8.00-12.15) da vedere soprattutto per l'Ultima Cena del Tintoretto e le stazioni della Croce Giandomenica Tiepolo, che l'artista ha dipinto quando aveva solo vent'anni. La semplice pietà che emana da queste immagini può indurre alcuni turisti a cambiare idea su Giandomenico, anche se sembra, che era interessato non tanto alle scene centrali, quanti ritratti di esponenti del locale crema festaiolo in sottofondo.

Uscendo dalla piazza verso Rialto, Calle Madonera è l'inizio di una serie di trafficate vie dello shopping, che ospitano alcune delle migliori pasticcerie di Venezia e molti negozi di scarpe e abbigliamento. Queste strade continuano dall'altra parte della piazza con Salizzada San Polo e Calle dei Saoneri, che insieme rappresentano la controparte di Mercerie su questo lato del Canal Grande.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *