Intorno a Trieste

Viaggi in barca. Da marzo a settembre, il piroscafo Dionea solca la costa istriana, tra Grado a nord e Pula a sud. Dettagli presso l'agenzia di viaggi AGEMAR, Piazza Duca degli Abruzzi la (»040/69021). Consigliamo una gita di un giorno a Dionea per le migliori vedute della città. Puoi anche navigare ogni giorno per Zara e Spalato in Jugoslavia, e da luglio a settembre, tre volte al mese a Durazzo, in Albania. Dettagli anche in AGEM AR.

Eventi culturali. In estate si svolge a Muggia un festival internazionale di teatro, e nel castello di San Giusto si organizzano serie di concerti. Nell'opera Verdi, gli spettacoli si svolgono nella stagione estiva. La Festa dell'Unita va da fine luglio a metà agosto - potete consultare il programma presso II Piccolo, diario di Trieste, dove dovrebbero esserci anche dettagli sulle feste nei paesi del Carso (guarda giù).

Intorno a Trieste

Carso è il nome italiano delle colline calcaree, salendo dalle pianure venete a sud di Monfalcone e passando nell'altopiano istriano. A seguito dei cambiamenti di confine, la maggior parte del Carso si è trovata nel territorio dell'ex Jugoslavia (il suo nome sloveno è Kras), ma anche una stretta striscia di questa terra in Italia, per Trieste, è geologicamente, botanicamente e socialmente diverso dal resto del paese.

Come in tutte le terre calcaree, al Carso prevalgono condizioni rigorose; d'estate le terre vengono bruciate, a volte coperto di neve in inverno. La superficie della regione è incrociata, spazzato via dai ruscelli, che spesso scorrono sottoterra per decine di chilometri, e qua e là, per esempio vicino ad Aurisina

- puoi trovare trincee della prima guerra mondiale. Cupi villaggi fatti di case dai muri spessi sembrano piegarsi sotto la pressione della bora, vento da nord-est, che pulisce queste aree in ogni momento dell'anno. (Con maggiore intensità, le corde si allungano lungo le strade più ripide di Trieste).

Numerosi sono gli autobus da Trieste al Carso - n. 42, 43, 44, 45 io 46. È meglio iniziare ad esplorare la regione con BORGO GROTTA GIGANTE, che vanta la più grande grotta disponibile al mondo, in profondità 107, e largo a 208 metri (visite guidate IV-X ogni mezz'ora; Novembre III ogni ora). Indipendentemente dalla temperatura esterna, dentro è sempre intorno 11 o 12 ° C, quindi devi

prendi qualcosa da imporre a te stesso. Vicino alla grotta c'è Papi Sport, l'unico noleggio bici della zona, utile in assenza di auto. Puoi raggiungere Borgo comodamente in tranvia (in funivia) z Piazza Oberdan do OPICINA, e poi con l'autobus n 45. Tranvia parte ogni venti minuti da 7.30 fare 20.00.

Si possono consigliare due percorsi a piedi per la città, per cui è necessario dedicare almeno mezza giornata. Strada Vicentina (o Napoleonica) è lunga circa tre chilometri e si snoda intorno alla collina sopra la città, tra Obelisco (sotto Opicina) a wioską BORGO NAZARIO (Ruota PROSECCO). È panoramico, percorso senza fatica, in parte tra gli alberi, in parte all'ombra di rocce calcaree quasi verticali. L'accesso è il più semplice al mondo: Obelisco è una fermata della tranvia, e su Brogo Nazario esce via San Nazario, dove gli autobus n 42 io 45 in direzione della stazione di Trieste.

Secondo percorso, di Val Rosandra, è completamente diverso. Questa valle di scogliere calcaree e sumaks è un campo di addestramento per le pietre focaie. Va con l'autobus n 40 do SAN DORLIGO DELLA VALLE, e poi verso le colline segue la strada che dalla piazza dall'altra parte. Dopo circa un chilometro il manto erboso si trasforma in un sentiero confinante sul lato destro con l'acquedotto romano. Dopo mezz'ora vedrete la chiesa di Santa Maria in Siaris su un'alta roccia sulla destra. Il prossimo è la cascata, e poi il minuscolo borgo di BOTTEZZA, l'ultimo insediamento umano prima del confine con l'ex Jugoslavia.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *