Asolo

Asolo

Il borgo medievale fortificato di ASOLO, zwane la Citta dai cento orizzonti (una città con cento orizzonti), regna su un gruppo molto unito 27 basse colline ai piedi delle Dolomiti. W 1234 r. Ezzelino da Romano strappò la città dalle mani del vescovo di Treviso; dopo la morte di Ezzelin, w 1259 r., i cittadini decisero di porre fine alla dinastia e assassinarono tutti i membri della sua famiglia, che si trovavano allora nella vicina San Zenone.

Alla fine del XV secolo. giunse nella città di Caterina Comaro: alla sua famosa corte c'erano personaggi come il cardinale Bembo, uno degli scrittori più eminenti del suo tempo, che ha coniato la parola asolare per piacevole, 1 ma passare il tempo inutilmente. Scrittori e artisti successivi trovarono l'atmosfera locale altrettanto amichevole; ha scritto della città di Gabriele d'Annunzio; qui è nata l'ultima opera pubblicata di Robert Browning, Asolando.

Città

L'autobus da Bassano ferma ai piedi della collina, da dove parte il minibus per la città stessa. I cimeli dei celebri abitanti di Asolo sono raccolti nel Museo Civico in Piazza Maggiore (wt.-nd. 8.00-12.00 io 16.00-20.00; 1500 L). I ritratti sono di particolare interesse, fotografie e oggetti personali di Elenora Duse. Questa attrice del calibro di Sarah Bernhardt era altrettanto famosa per i suoi amori appassionati, che dire dei ruoli nelle opere di Shakespeare, Hugo i Ibsen, ed è venuto ad Asolo in cerca di rifugio dalle voci. Morì a Pittsburgh durante il St. 1924 r., ma voleva essere sepolta ad Asolo, così il suo corpo fu portato nella locale chiesa di Sant'Anna.
Della collezione d'arte del museo, le due opere attribuite sono le più interessanti (piuttosto dubbioso) Bellinim, portret Ezzelina, dipinto pochi secoli dopo la sua morte, e diverse grandi sculture del Canova.
Il Teatro Duse occupa una parte del Castello, attualmente in gran parte in fase di ristrutturazione.
A partire dal 1489 fare 1509 r. Caterina Cornaro ha vissuto qui, una delle poche donne, che ha avuto un ruolo significativo nella storia di Venezia. È nata in una delle più potenti famiglie veneziane, e in seguito sposò Giacomo II, re di Cipro. Un anno dopo le nozze, Giacobbe morì e Caterina fu sottoposta per quasi dieci anni alle pressioni dei sovrani veneziani., che voleva conquistare quest'isola strategicamente importante. W 1489 r. Katarzyna ha abdicato, per ottenere armi e navi necessarie alla difesa contro i turchi. Portato a Venezia per firmare l'atto di "donazione" di Cipro alla repubblica, Asolo è stato dato in segno di gratitudine a Venezia. Alla fine, anche Asolo è stata presa da lei, che è stata presa dall'imperatore Massimiliano, e tornò a cercare rifugio a Venezia, dove morì presto (1510).

Informazioni pratiche

Le informazioni turistiche sono fornite dalla Pro Loco in via Regina Cornaro, vicino al museo; le mappe della città che regalano sono utili, anche se poco leggibile. Il pernottamento è fuori discussione, perché qui ci sono solo due hotel di lusso. Tuttavia, qui puoi trovare diversi bar e ristoranti. Enoteca Marcello Agnoletto è un'ottima enoteca in via Browning (pn. Chiuso), a La Papessa przy via Pietro Bembo (Mer. Chiuso) offre un'ottima selezione di pizze e altri piatti interessanti.

Villa Barbaro w Maser

Di tutte le ville venete, una villa, per cui vale la pena fare lo sforzo della spedizione, è Villa Barbaro a MASER, pochi chilometri a nord est di Asolo (VI-IX wt., sb. io nd. 15.00-18.00; X-XII e III-V wt., sb. io nd. 14.00-17.00; I i II sb. io nd. 14.00-17.00; 5000 L). Quando si viaggia da una villa all'altra, una persona si abitua alla discrepanza tra la qualità dell'architettura e la qualità dell'ornamento, ma a Maser si possono ammirare due figure di spicco della civiltà italiana del XVI secolo: Palladia e Paola Veronese, i cui percorsi creativi si sono incontrati solo qui.

La villa è stata costruita tra 50. XVIw. di Daniel e Marcantonia Barbaro, i cui ampi interessi e l'istruzione nelle discipline umanistiche realizzati, che il progetto dell'edificio era per Palladio un'impresa che richiedeva più collaborazione rispetto alle altre.

L'intero piano terra è stato utilizzato da una fattoria - colombaie nei padiglioni esterni, stalle e granai sotto i portici, uffici amministrativi nell'edificio centrale. La raffinatezza dei fratelli si rifletteva negli alloggi del piano nobile, ricoperto da una serie di affreschi di Verones, che non ha eguali in tutto il nord Italia. Le scene più contorte sono spiegate nella guida perfetta, che può essere acquistato presso la villa, ma la maggior parte dei dipinti non richiede commenti. Le pareti della villa sono ricoperte di affreschi, che sono una delle più grandi realizzazioni del trompe-l'oeil: i servi guardano la porta dipinta della sala, il cane annusa lungo la bassa ringhiera di fronte al paesaggio con le rovine, il cacciatore (probabilmente lo stesso Veronese) entra in casa attraverso un solido muro. (C'è la speculazione, che la donna che guardava il cacciatore dall'altra parte della casa era l'amante di Verones.)

Il Tempietto sorge sul terreno antistante la villa, l'unica chiesa, che Palladio progettò fuori Venezia e una delle sue ultime opere; Marcantonio lo ordinò dieci anni dopo la morte del fratello, ed è stato costruito nel 1580, quando morì anche lo stesso Palladio.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *