Firenze – Uffizi

Firenze – Uffizi

W 1560 r. Cosimo I incaricò il Vasari di progettare un edificio amministrativo, che doveva sorgere su un sito occupato da case e da una chiesa tra Palazzo Vecchio e il fiume. Dopo la morte del Vasari, il Buontalenti continuò i lavori per l'edificio a forma di U., di cui Francesco 1 ha chiesto comunque un impianto all'ultimo piano, in modo che le sue collezioni d'arte potessero essere ospitate lì. Ogni successivo regno dei Medici ricostituì il tesoro di opere d'arte della famiglia, e l'intera collezione è stata messa a disposizione del pubblico dall'ultimo membro della famiglia, Anna Maria Ludwika, che ha richiesto nel suo testamento, che le opere non lasceranno mai Firenze e saranno restituite alla sua gente. Nel secolo scorso gran parte delle sculture fu trasferita al Bargello, mentre molti pezzi d'antiquariato sono stati donati al Museo Archeologio), przez co Galleria degli Uffizi (wt.-sb. 9.00-19.00, nd. 9.00-13.00; 5000 L, il primo e il terzo sab. e il secondo e il quarto sole.. ingresso gratuito del mese; ultimi biglietti 45 minuti prima della chiusura) è fondamentalmente una galleria di immagini, integrato con un certo numero di monumenti classici.

Nel caso degli Uffizi, la verità è sufficiente per qualsiasi superlativo: è la più bella pinacoteca d'Italia. Così tanti capolavori sono stati raccolti qui, che durante una visita possono essere guardati intorno con la massima difficoltà; è meglio limitare il primo turno alle prime quindici stanze, dove si concentrano le opere del Rinascimento fiorentino, e dedica un'esperienza separata al resto della galleria. Il piacere di visitare gli Uffizi è in qualche modo diminuito dalla disastrosa collocazione di alcuni dipinti (che significa, che a volte vedi solo il riflesso del tuo viso) io, ovviamente, folle. Non puoi fare nulla per il primo punto, ma il secondo può essere facilmente risolto andando alla galleria subito dopo l'apertura o due ore prima della chiusura.

DA CIMABUE A BOTTICELLEGO

Agli Uffizi difficilmente incontrerai gruppi di opere poco interessanti. Le pinacoteche sono al terzo piano, ma alcuni lavori eccezionali possono essere trovati al piano terra, nei corridoi, che un tempo facevano parte della chiesa di San Pier Scheraggio, dell'XI secolo: ad esempio, affreschi raffiguranti il ​​famoso fiorentino Andrea del Castagno e L'Annunciazione del Botticelli in cima a una breve scalinata nel corridoio dello scalone principale.

Camera 1, dove si trovano sculture antiche, che erano spesso usati dagli artisti del Rinascimento come una sorta di libro di disegni, è spesso chiuso. Puoi studiare il periodo di schiusa del Rinascimento nella stanza accanto, dove tre dipinti d'altare della Maesta (Madonna tra angeli e santi) Cimabuego, Duccia e Giotta travolgono tutti gli altri lavori. L'apice dello sviluppo dell'arte senese del XIV secolo relativamente conservatrice (camera 3) c'è l'Annunciazione di Simone Martini, con un ricco background di doratura. L'unico pittore gotico fiorentino di prima classe, Lorenzo Monaco, è esposto tra le opere di altri artisti del XIV secolo (vendita 5 io 6): Qui lo puoi vedere con la maestosa Incoronazione di Maria e l'Adorazione dei Magi; La versione di Gentile da Fabriano di questo secondo tema è l'incarnazione del gotico internazionale: ogni centimetro della superficie piana del dipinto è pieno di dettagli spesso altamente naturalistici.

Madonna e San Francesco, Giovanni Battista, Zanobi e Lucia è uno dei dodici famosi dipinti di Domenico Veneziano (camera 7), il cui studente, Pierro della Francesca, è qui rappresentato dai ritratti di Federica da Montefeltro e Battista Sforza; oltre ai ritratti, ci sono anche le immagini del principe circondato dalle virtù cardinali e di sua moglie tra le virtù teologali. La Battaglia di San Romano Paola Uccella - a testimonianza dell'ossessivo interesse dell'artista per gli effetti prospettici - un tempo appesa nella camera da letto di Lorenzo il Magnifico, accompagnato da rappresentazioni di questa scaramuccia attualmente al Louvre e alla National Gallery di Londra. Tra le tante opere di Filippo Lippi in sala 8 c'è la Madonna col Bambino, una delle più famose immagini rinascimentali della Madonna. Nelle vicinanze si trova la bellissima Madonna del Botticelli, che nell'annesso salone condivide le luci della rampa con Antonio del Pollaitiolo. Lavori, su cui si basa la reputazione di Botticelli, sono raccolti in stanze comunicanti 10-14: Primavera, Adorazione dei Magi e Madonna Magnificat. Anche se il loro significato rimane poco chiaro e poche immagini hanno dato origine a così tante controversie accademiche, che primavera - questi sono seducentemente freschi nell'idea e nell'esecuzione, e qualunque cosa, quante riproduzioni hai già visto, gli originali superano sempre le aspettative. Allontanato dal muro si trova l'enorme altare Portinari del contemporaneo fiammingo Botticelli, Hugo van der Goes; il naturalismo di quest'opera ebbe una grande influenza sugli artisti fiorentini.

DA LEONARD DA VINCI A TYCJAN

Anche se agli Uffizi non c'è un solo dipinto che sia interamente opera di Leonardo da Vinci, lavorare nella hall 15 includere una panoramica completa della sua carriera. La famosa Annunciazione risale al periodo in cui ha plasmato la sua personalità artistica (principalmente il pennello l ^ eonard) e un angelo dipinto a sinistra al Battesimo del Verrocchio, mentre l'incompiuta Adorazione dei Magi incarna il suo successivo radicalismo, con abbondanza di figure intorno a Maria e al Bambino. Nella stanza 18, Tribuna ottagonale, un tempo ospitava la crema della vendemmia. Oggi, le sculture medicee più importanti sono qui, tra cui la Venere dei Medici è la più moderna, risalente al I secolo. p.n.e. una copia di Afrodite di Cnido di Prassitele. Nella stessa sala si trovano anche il seducente Ritratto di fanciulla del Sarta e diversi ritratti del Bronzin, realizzati con gelida precisione - attirando in particolare l'attenzione di Bartołomeo e Lucrezia Panciatichi ed Eleonora di Toledo con Giovanni de'Medici. Il ritratto di Lorenzo il Magnifico del Vasari e l'immagine di Cosimo il Vecchio Bronzin fanno un'impressione ingannevole dipinta da un modello, nel frattempo, sono state realizzate molto tempo dopo la morte del ritratto.

Perugino e Signorelli sono gli artisti più importanti in sala 19, poi c'è una sala dedicata principalmente a Cranach e Diirer, incluso Ritratto del padre dell'artista - Il primo dipinto di Durer con paternità stabilita. La più interessante della serie di sale è l'inquietante Allegoria di Giovanni Bellini, Portret Sir Richarda Southwella, una serie di deliziosi panneaux di Memling e un trittico di Mantegni. Altre opere classiche di prim'ordine sono state raccolte in un breve corridoio con finestre sull'Arno.

L'attrazione principale della sala 25 è il Doni Tondo di Michelangelo, il suo unico dipinto da cavalletto completato. Gesti elaborati e colori vivaci furono studiati e copiati dai pittori manieristi del XVI secolo, che può essere giudicato dal vicino Mosè che difende la figlia di Jethra Ross Fiorentino, una delle figure chiave di questo movimento. Altri due dipinti di Ross sono in mostra nella sala 27, insieme a una serie di opere del Bronzin e dell'inquieto Pontormo, pittore, il cui stile sembrava essere in continua evoluzione. I due gruppi manieristi sono separati da una sala contenente la drammatica Madonna con arpie di Andrea del Sarto e diverse composizioni di Raffaello, łącznie z cudowną Madonną ze szczygłem i Papieżem Leonem X z kardynałami Giulio de’Medici i Luigi de ‘Rossi — najbardziej podejrzana grupa świątobliwości kościelnych, mai incorniciato in una foto.

Camera 28 è interamente dedicato a un'altra figura titanica dell'arte del XVI secolo, Tiziano. La sua Flora e il Cavaliere di Malta sono fantastici, ma la maggior parte degli occhi maschili vagano sulla famosa Venere di Urbino, forse l'atto rinascimentale più carnale e provocatorio.

OD PARMIGIANINA DO GOI

Poi abbiamo alcuni dipinti di scuola emiliana del Cinquecento, concentrati intorno al Parmigianin, la cui Madonna dal collo lungo è una delle più grandi conquiste del Manierismo. Vendita 31 fare 35 includono artisti veneziani e veneti, con dipinti eccezionali di Sebastian del Piombo (Morte di Adone), Govanniego Battisty Moroni (Conte di Piano di Secco Suardi), Paola Veronese (Sacra famiglia con i. Barbara) e Tintoretta (Condurre).

Nella stanza 41, dominato da Rubens e Van Dyck, l'impressione più grande è data da una delle opere meno appariscenti di Rubens - Ritratto di Izabella Brandt. Nella sala si possono ammirare una serie di dipinti contemporanei a Rubens e altrettanto teatrali di Caravaggio 43, compresa la terribile testa mozzata di Medusa, dipinto sullo scudo.

La stanza successiva è una mostra dei ritratti di Rembrandt - Autoritratto, fatto circa cinque anni prima della sua morte, è una delle sue opere più malinconiche, e la sua espressività è esaltata dalla vicinanza di un altro autoritratto di diversi decenni fa. I ritratti attirano l'attenzione anche nella stanza accanto, coprendo le opere del Settecento, soprattutto due immagini di Maria Teresa di Goya. Nella sala, in cima alle scale di uscita, viene impiccato uno dei talismani della città, Cinghiale; questa copia romana di una scultura ellenistica del 3 ° secolo. p.n.e. servì da modello per la fontana del Porcelino sul Mercato Nuovo.

CORRIDOIO VASARIANO

Dal corridoio ovest tra le stanze 25 un 34 uscire dalla porta sul Corridoio Yasariano, costruito dal Vasari, un passaggio che collega Palazzo Vecchio a Palazzo Pitti tramite gli Uffizi. Il corridoio serpeggia verso il fiume, poi attraverso il Ponte Vecchio e la Chiesa di Santa Felicita fino al Giardino di Bóboli e offre affascinanti scorci segreti della città. Come se non bastasse, il passaggio è strettamente tappezzato di dipinti, la maggior parte dei quali costituisce la galleria degli autoritratti. Dopo il ritratto di Vasari, i dipinti sono sospesi cronologicamente, seguito da molti nomi di spicco: Andrea del Sarto, Bronzino, Bernini, Rubens, Rembrandt, Velasquez, David, Delacroix, Ingres.

La visita al corridoio deve essere organizzata il giorno prima negli uffici della galleria, al terzo piano, di fianco all'ingresso; le visite si svolgono la mattina dal martedì al sabato, il tempo dipende dal tempo libero del personale della galleria.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *