Firenze – Via dei Calzaiuoli e dintorni

Firenze – Via dei Calzaiuoli e dintorni

Puntuale, quando non è possibile passeggiare in Piazza della Signoria, via dei Calzaiuoli non ha concorrenza per una passeggiata serale, cioè passeggiata. Qui operano due diversi "sistemi economici": di giorno gioiellerie e boutique guadagnano milioni di lire, e dopo il tramonto, principalmente commercianti di strada senegalesi con borse Louis Yuitton contraffatte e polo Lacoste si trasferiscono qui. Di tanto in tanto, la polizia caccia via i venditori con un rituale inefficace senza convinzione, che a volte include anche musicisti, acrobati e terribili pantomimie, esibirsi qui nelle sere d'estate. Sembra, che per qualche ragione i lettori della mano e dei tarocchi vengono risparmiati, forse è per questo, che i carabinieri fiorentini sono altrettanto superstiziosi, come tutta la popolazione.

ORSANMICHELE

Molti degli oggetti esposti al Bargello sono stati spostati dall'edificio che domina questa strada, piazza chiesa di Orsanmichele, che funge da torre militare a un isolato da Piazza della Signoria. Dal IX al XIII s. qui sorgeva la chiesa di San Michele ad horlum, da cui Orsanmichele. Alla fine del XIII secolo. un mercato del grano è stato stabilito qui, sostituito dopo un incendio 1304 r. un'enorme loggia, che fungeva da oratorio e mercato coperto per arti maggiori, grandi corporazioni, governando la città in quel momento. W 1380 r. la loggia era cinta da mura ed era adibita solo a scopi religiosi, sono stati aggiunti due piani per le scorte di cereali di emergenza.! Poco dopo, la corporazione fu incaricata di decorare uno dei tabernacoli esterni dell'edificio, che ha coinciso con l'inizio del Rinascimento.

L'immobile è attualmente in fase di ristrutturazione, quindi ci sono poche possibilità di vedere tutte le sculture all'esterno, ma alcune delle opere più importanti dovrebbero essere al posto loro assegnato. Spiccano le seguenti sculture: sul lato orientale (via dei Calzaiuoli) Giovanni Battista del Ghiberti, la prima scultura in bronzo a grandezza naturale del Rinascimento e l'infedele Tommaso Verrocchia; sul lato nord - I quattro santi incoronati di Nanni di Banco (erano quattro scultori cristiani assassinati da Diocleziano per essersi rifiutati di fare un'immagine pagana) e una copia di St.. George Donatello; da ovest - Śh>. Matteo e S.. Stefan Ghiberti e St.. Eligiusz Nanniego di Banco; sul lato sud - Madonna e Bambino, probabilmente di Giovanni Tedesco.

Per arrivare alla navata quadrata della chiesa, è necessario bypassare l'elemento principale dell'interno, il grande tabernacolo dell'opera degli Orcagni; zdobione delikatnymi płaskorzeźbamii maleńkimi statuami oraz inkrustowane kolorowym marmurem i szkłem cyborium jest jedyną znaczącą pracą rzeźbiarską artysty. Circonda la Madonna dipinta nel 1347 r. di Bernarda Daddi, posto al posto dell'incendio distrutto in un incendio 1304 r. l'immagine miracolosa della Vergine Maria, il potere di cui si dice che la nuova immagine abbia ereditato. Le sale del granaio a volta al piano superiore - uno degli interni medievali più imponenti della città - si accede tramite un ponte dal Palazzo delPArte della Lana (caratteristiche di lana); di regola è possibile accedervi solo durante le fiere.

PIAZZA DELLA REPUBBLICA

Dal retro della chiesa di Orsanmichele si cammina un po 'fino a Piazza della Repubblica, creato nel secolo scorso, come dovrebbe esserci una piazza pubblica in ogni capitale. È un posto completamente privo di carattere, solo di dimensioni impressionanti, mentre quattro caffè grandi e un tempo alla moda - Donnini, Giubhe Rossa, Gilli e Paszkowski - mancano anche di umore e stile, a cui aspirano. L'ultimo di questo quartetto ha recentemente acceso discussioni sul razzismo in Italia, la cui esistenza è spesso negata, assumere un cameriere nero; la mossa ha scatenato lettere minacciose e il boicottaggio del bar.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *