Firenze – Od Piazza della Signoria do Ognissanti

Firenze – Od Piazza della Signoria do Ognissanti

Nonostante l'urbanistica del secolo scorso ei bombardamenti dell'ultima guerra, molte strade di Firenze hanno mantenuto il loro carattere medievale., soprattutto nel quartiere ad ovest di piazza della Signoria. Il Mercato Nuovo è una sorta di vestibolo di questa parte della città (in estate tutti i giorni. 9.00-19.00; in inverno, mar-sab. 9.00-17.00), le cui bancarelle di souvenir sono tra le più affollate della città; il mercato esiste qui dall'XI secolo., anche se l'attuale loggia risale al XVI secolo. Un piccolo gruppo di persone di solito si raduna intorno a un cinghiale chiamato II Porcellino e cerca di far cadere una moneta di buona fortuna dalla bocca della bestia nella grata sotto la sua testa. Una passeggiata per le strade dietro il duecentesco Palazzo di Parte Guelfa - strade come via delle Terme e Borgo Santi Apostoli - dà un'idea dell'atmosfera della Firenze medievale, quando ogni casa principale era una fortezza cittadina.

Palazzo Davanzati

Il trecentesco Palazzo Davanzati è l'esempio più autentico di casa di questo periodo in città, sebbene sia stato in gran parte restaurato. W XVI w. La merlatura del tetto fu sostituita da una loggia, e sul fronte Davanzati hanno posto il loro stemma; altrimenti l'edificio sembra più o meno come all'inizio della sua abilità. Oggi il palazzo ospita il Museo della Casa Fiorentina Antica (wt.-sb. 9.00-14.00, nd. 9.00-13.00; 2000 L), e quasi ogni stanza dell'interno ricostruito è decorata e decorata in stile medievale, usando reliquie autentiche di varie fonti.

Nelle case mercantili del XIV secolo, le stanze principali di solito avevano pareti decorate, quindi Palazzo Davanzati ha anche bellissimi esempi di tali decorazioni - soprattutto nella sala da pranzo, dove la parte inferiore delle pareti è decorata con un motivo a pappagalli, e quello superiore mostra una fila di alberi. Secondo criteri moderni, l'attrezzatura è modesta, ma l'indicatore dell'abbondanza non era la quantità, e la qualità: arazzo, ceramiche e merletti sono bellissimi esempi di artigianato, soprattutto il copriletto siciliano nella camera da letto al primo piano con scene della storia di Tristano. Forse il segno più eloquente della ricchezza dei primi inquilini del palazzo era un pozzo privato, l'acqua da cui veniva prelevata attraverso un pozzo che si estendeva per tutti e cinque i piani.

Santa Trinita

Ulteriore, ovest dietro Palazzo Davanzati, via Porta Rossa si collega a Piazza Santa Trinita; in realtà non è un quadrato, esteso solo tramite Tomabupni, la strada più costosa della città. Attraversa l'Arno sul ponte più elegante di Firenze, Ponte Santa Trinita; il progettista era presumibilmente Ammannati, ma la deviazione delle baie ricorda così da vicino l'arco delle tombe medicee realizzato da Michelangelo, che forse merita elogi.

Antichità della Chiesa di Santa Trinita (codz. 8.00-12.00 io 16.00-19.00) è visibile nella pronuncia latinizzata del suo nome - nell'italiano contemporaneo l'enfasi è sull'ultima, non la prima sillaba. Fondata nell'XI secolo. la chiesa fu ricostruita nel periodo dal 1250 r. entro la fine del prossimo secolo, ma il lato interno della parete frontale è sopravvissuto all'edificio romanico.

L'austerità dell'architettura è attenuata da una serie di opere d'arte, i migliori dei quali provengono dal XV secolo. Lorenzo Monaco dipinse la quarta cappella di destra con affreschi e fece l'Annunciazione, mentre la decorazione della Cappella Sassetti (la seconda a destra dell'altare) Il Ghirlandaio si è impegnato, che ha realizzato il dipinto d'altare Adorazione dei pastori e una serie di affreschi raffiguranti Scene della vita di S.. Francesco. La scena di S.. Francesco a sostegno della regola dell'ordine contiene i ritratti di Lorenzo il Magnifico e Francesco Sassetti, il santo patrono della cappella - stanno in primo piano a destra, ricevere un tributo dai figli di Lawrence e dal suo protetto, filosofo Poliziano. Opera commovente di Lucia della Robbia - la tomba di Benozzo Federighi, Vescovo Fiesole - occupa il muro della seconda cappella a sinistra dell'altare ed è incorniciato da un bordo in ceramica di fiori e verde.

Palazzo Strozzi i Palazzo Rucellai

I negozi di via Tomabuoni sono luoghi magici per quelli, che non viaggiano in prima classe. Yersace ha una filiale qui, Armani e altre aziende alla moda, condividere l'area con i negozi di gioielli e pelletteria di Gucci, la più famosa azienda locale.

La ricchezza ostentata non è una novità in via Tomabuoni, perché l'enorme Palazzo Strozzi domina tutto l'edificio, l'ultimo, il più grande e il meno sottile dei palazzi rinascimentali fiorentini. Filippo Strozzi acquistò e demolì una dozzina di case per una roccaforte in pietra progettata da Giuliana da Sangallo, la cui costruzione è avvenuta dal 1489 fare 1536 r. e fu sotto la supervisione di Cronacy durante questo periodo. Mostra permanente al Museo di Palazzo Strozzi (pn., Mer. io pt. 16.00-19.00; Entrata Libera) spiega la storia del palazzo.

Alcuni plutocrati fiorentini sono riusciti a stupire con un po 'più di gusto. Quando Giovanni Rucellai - uno dei mercanti più ricchi della città, e uno studioso rispettato - deciso negli anni '50 del XV secolo. commissionare la costruzione di una nuova casa, si è rivolto all'architetto Leon Battista Alberti, il genio universale del Rinascimento. Palazzo Rucellai, situato nei pressi di casa Strozzi, przy via della Vigna Nuova, è stato il primo palazzo fiorentino costruito secondo le regole dell'architettura classica - file di pilastri, inciso in blocchi di pietra liscia, fare chiaramente riferimento al muro esterno del Colosseo. Ancora più raffinata l'opera di Alberti, Cappella di San Sepolcro (sb. 17.30 X-VI), si può ammirare nella vicina Cappella Rucellai; è stato progettato come monumento funerario ; Giovanni Rucellai sotto forma di ricostruzione miniaturizzata della Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Chiesa di San Pancrozio, che un tempo faceva parte della Cappella Alberti, è stato trasformato nell'elegante Museo Mario Marini (VI-VIII śr.-pn. 10.00-13.00 io 16.00-19.00; IX-V śr.-pn. 10.00-18.00; 4000 L), dove sono esposte le opere di diversi anni fa e lasciate in eredità alla città da questo scultore. Dominano le variazioni sul suo tema preferito "cavallo e cavaliere".

Ognissanti

In epoca medievale, la principale area di produzione tessile - la base e l'economia di Firenze - si trovava a ovest della città. Ognissanti, la chiesa principale in questo quartiere, è stata fondata nel XIII secolo. dall'Ordine Benedettino, che trattava e filava tessuti di lana. Trecento anni dopo, la chiesa fu rilevata dai francescani, chi l'ha ricostruita in stile barocco, risparmiando solo il campanile.

La facciata della chiesa è interessante per gli storici in quanto una delle prime fioriture dello stile barocco a Firenze, ma Ognissanti deve la sua attrattiva a elementi precedenti - affreschi di Domenico Ghirlandaio e Sandro Botticelli. Volto giovane, stretto tra la Madonna e l'uomo con il mantello nero nel dipinto Madonna delta Misericordia Domenica Ghirlandaio, j sopra il secondo altare a destra, appartiene ad Amerigo Vespucci, a cui l'America deve il suo nome. Un po 'più in là, su entrambi i lati della navata, ritratti di St.. Augustine e il più semplice St.. Jerome, entrambi dipinti in 1480 r. - il primo di Botticelli, il secondo della Ghirlandaia. Nello stesso anno il Ghirlandaio eseguì la bucolica Ultima Cena, coprendo una parete del refettorio (pn.-sb. 9.00-12.00 io 14.00-16.00), a cui si passa per i chiostri.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *