Modena

Modena

Anche se MODENA dista solo mezz'ora di treno da Bologna, ha un carattere completamente diverso. La città sostiene di essere la capitale spirituale dell'Emilia, che sottolinea l'annosa e talvolta feroce rivalità con Bologna. In realtà, tuttavia, queste affermazioni sono alquanto esagerate. Come in altre città e in questa zona, qui c'è abbondanza e molta attenzione è dedicata al cibo, moda e vita comoda. Ma è anche una città senza pretese, con un centro medievale simile ad altri del nord Italia.

Con tutto questo, rimane vero, che Modena ha qualcosa di cui essere orgogliosa. Luciano Pavarotti è nato qui e qualche volta tiene recital improvvisati sul mercato, e la cattedrale è considerata il più bel edificio romanico della regione. A sua volta, l'industria prospera nella periferia: Le filature e le fabbriche di ceramiche nella pianura circostante hanno redditi elevati, c'è anche una fabbrica nelle vicinanze, dove la Ferrari ha prodotto le sue prestigiose vetture, e modelli Formula 1 ha provato in pista nel vicino Fiorino.

Informazioni pratiche: viaggio e alloggio

A piedi dalla stazione dei treni di Piazza Dante al centro di Modena, cioè a Piazza Grande, ci vogliono quindici minuti; vi si immette l'ampio Corso Vittorio Emanuele II. Stazione degli autobus, da dove si arriva al paese di pianura e in Appennino, si trova in via Bacchini, a dieci minuti a piedi da Piazza Grande. La sede EPT si trova a poche case dalla piazza del mercato in via Emilia Centro 179 (codz. 10.00-12.30 io 15.20-18.20).

La zona ricettiva più promettente è quella tra Piazza Grande e la stazione degli autobus, con strade strette circondate da palazzi. Gli ospiti dell'hotel a Modena sono per lo più uomini d'affari, quindi i prezzi sono generalmente alti; i posti in una manciata di hotel economici sono solitamente riservati per mesi dalle persone, che vengono qui da fuori città per lavorare. Una possibilità è la Centrale in via Rismondo 57 (» 059/243248), con il doppio dopo 39 000 L. Ma in altri è simile: w Bond, na via Ramazzini (059/223634), Suola, via Malatesta 45 (• » 059/214245), vicino alla stazione, io w La Pace, via Paolo Ferrari 47 (* 059/223447), la stanza costa denaro 34000 L. Il campeggio più vicino (International Camping Modena; 059/332252) è in via Cave Ramo, Localita Bruciata, a metà strada tra Modena e Reggio Nell'Emilia; autobus n 19 si ferma proprio accanto al campeggio.

Città

Nero, concentrico centro medievale di Modena, con il circostante viale, è la parte più interessante della città, soprattutto le strade intorno al duomo, che sorge su Piazza Grande. Il centro cittadino è diviso a metà via Emilia, che, per così dire, attraversa Piazza Grande. In generale, lo scopo della visita sono le collezioni di dipinti e manoscritti raccolti dalla famiglia d'Este, che si è trasferito qui in 1598 r. da Ferrara dopo l'annessione di questa città allo stato pontificio e al governo di Modena fino al XVIII secolo. Tuttavia, il momento più piacevole qui è vagare per il labirinto di strade del centro, coronare la giornata con un buon pasto e godersi la vivace vita notturna. A differenza di altri piccoli centri emiliani, la vita notturna qui è varia: bar con musica dal vivo, esibizioni di band famose al Palasport e causa di teatro alternativo, che vale la pena restare qui per la notte; se hai altri piani, si può tornare a Bologna con il treno notturno.

Piazza Grande

Piazza Granda è il punto focale della città e la vita di Modena è centrata nei suoi edifici in pietra e nei suoi portici: gli scolari bazzicano intorno alla pizzeria, e gli anziani si incontrano nel pomeriggio per discutere presso le barriere che separano il Duomo di San Geminiano del XII secolo, che, insieme alla vicina Torre Ghirlandina, sprofonda nel terreno. La facciata del duomo è scolpita con scene tratte dal Libro della Genesi, e le parti più importanti sono probabilmente opera dello scultore Wiligelmo del XII secolo, sebbene quelle sull'edificio siano copie. Gli originali possono essere visionati al Museo Lapidario (codz. 9.00-12.00 io 15.00-18.00) na via Lanfranco. La vita di Wiligelm è avvolta nel mistero, ma il suo talento è stato confermato su una targa di pietra all'esterno dell'edificio, dove il suo nome compare accanto a quello dell'architetto Lanfranc. Dall'interno, il duomo è caratterizzato da una bella semplicità romanica, con un alto coro dietro la galleria e un pulpito sorretto da colonne, che riposa sul dorso di leoni e figure raggomitolate. I dettagli scolpiti sui capitelli delle colonne e intorno alla porta sono rifiniti in modo così complesso, che devi sforzare bene gli occhi, per abbracciare la loro composizione.

Lanciato contemporaneamente al duomo, ma finito 200 anni dopo, Torre Ghirlandina si appoggia da una parte, pertanto è attualmente chiuso al pubblico per lavori di ristrutturazione. Fino a poco tempo qui si trovava la Seccia rapita, un corredo di legno rubato dai moden durante il raid su Bologna nel 1325 r., spesso citata come prova della rivalità tra due città. Modeni, che ha sostenuto Re Enzo (il figlio dell'imperatore), giurato di odiare i bolognesi, che lo ha preso prigioniero dopo una battaglia del XIII secolo, e il furto del kit è stato uno dei numerosi tentativi di pareggio. Il poeta del XVII secolo Tassoni ha scritto un poema eroico-comico sull'argomento, che nella mente delle persone non ha mai perso la sua rilevanza, e frammenti di esso vengono talvolta recitati in una giornata di avvenimenti modenesi.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *