Venezia – Castello – Campo Zanipolo

Campo Zanipolo (Santi Giovanni e Paolo)

Campo San Zanipolo (skrót od Santi Giovanni e Paolo) è la piazza più bella di Venezia dopo Piazza. La grande chiesa in mattoni di Zanipolo troneggia su di essa, da cui deriva il nome della piazza. C'è anche la Scuola Grande con la facciata più suggestiva e una delle più belle statue di cavalli rinascimentali in Italia.

MONUMENTO DEI COLLEONI E DELLA SCUOLA GRANDA DI SAN MARCO Il condottiero Bartolomeo Colleoni ha iniziato la sua incredibilmente capricciosa carriera in 1429 nell'esercito veneziano. Negli anni successivi fugge a Milano, in seguito è tornato a Venezia, scappò di nuovo e finalmente in un anno 1455 si arruolò definitivamente nell'esercito veneziano. Tuttavia, è stato sfortunato, perché allora ci fu un periodo di pace più lungo, e negli ultimi vent'anni della sua vita fu chiamato a servire solo una volta. Nel suo testamento, ha lasciato una notevole fortuna alla Repubblica di Venezia, purché, che la sua statua sarebbe stata eretta nella piazza di fronte a San Marco. Governanti di Venezia, che professava una sorta di culto dell'anonimato in zona San Marco, non hanno potuto accettare questa richiesta e hanno gestito il problema in modo molto intelligente, anche se non molto onestamente. Interpretare la volontà in un modo a te favorevole, wznieśli pomnik przed Scuola Grande di San Marco, e non davanti alla basilica, e ha preso i soldi.

Ha vinto il concorso per il monumento in un anno 1481 Andrea Verocchio, ma non era la fine delle difficoltà. Quando ha finito il suo cavallo, la notizia gli era arrivata, che un altro scultore è stato chiesto di fare il cavaliere, si è arrabbiato così tanto, che ha distrutto l'effetto del suo lavoro precedente ed è fuggito a Firenze. La controversia è stata finalmente risolta al momento della sua morte, nel mese di giugno 1488, Verocchio stava ancora lavorando al monumento. Ad Alessandro Leopardi fu chiesto di completare i lavori e realizzare il piedistallo, che ha prontamente accettato, e ha anche messo la sua firma sul sottopancia, dandosi il titolo del Cavallo.

Uno sfondo piuttosto eterogeneo per il monumento Colleoni è la Scuola Grande di San Marco, la cui facciata e foyer sin dalla sua liquidazione all'inizio del. L'Ottocento è decorato con l'Ospedale Civile. La facciata fu iniziata nell'anno da Piętro Lombardo e Giovanni Buora 1487, e dopo il loro litigio con Scuola lo finì nell'anno 1495 Mauro Coducci. I frammenti della facciata sono più impressionanti della sua interezza: le singole scene realizzate da Tullio e Antonio Lombardo non producono l'effetto spaziale voluto, ma ognuna di esse ha il suo indubbio fascino.

SAN ZANIPOLO (SANTI GIOVANNI E PAOLO)

La Chiesa di San Zanipolo è stata fondata nel 1246 dall'Ordine Domenicano, la sua estensione e ricostruzione è iniziata già nell'anno 1333, e fu consacrata solo in un anno 1430. Al di fuori, sul lato sinistro della porta, fu posto il sarcofago del doge Giacomo Tiepolo, che ha offerto questo posto ai domenicani.

L'interno colpisce soprattutto per le sue dimensioni: 87 metri di lunghezza, 37,5 un metro di larghezza nel transetto, 32,4 metro di altezza al centro. Ora sembra ancora più grande di un anno fa 1682, quando fu demolito collocato in un luogo simile, come nei Frari, coro ligneo. La semplicità dell'interno gotico a tre navate è disturbata dall'enorme numero di sarcofagi e lapidi poste sotto le mura (sono sepolti qui, tra gli altri. 25 dogi).

La parete ovest è dedicata alla famiglia Mocenigo. Sopra l'ingresso è realizzato da Pietra Lombardo (1477) tomba del Doge Alvise Mocenigo e di sua moglie, a destra una statua del Doge Giovanni Mocenigo (d. 1485) scalpelli Tullia Lombardo, ea sinistra la stupenda opera di Pietro Lombardo e dei suoi figli, statua del Doge Pietro Mocenigo (d. 1476).

Dietro il primo altare nella navata meridionale si trova una statua del comandante veneziano, Marcantonio Bragadina, che è associato a una delle storie più cupe di questa città. Nell'anno 1571 Bragadin è stato superato in astuzia dai turchi, a cui fu costretto ad arrendersi Famagosta. Dopo il suo arresto, è stato tenuto in prigione, torturato, sottoposto a umiliazione, e infine ucciso da scuoiatura. Qualche anno dopo, la sua pelle fu portata a Venezia e oggi si trova in un'urna sopra il pavimento.

L'altare successivo è ornato da un magnifico polittico di Giovanni Bellini, che mostra St.. Vincent Ferrer insieme a St.. Cristoforo e San Sebastiano, e sopra l'Annunciazione e la Pietà (le cornici sono originali). Nell'angolo del transetto c'è una reliquia del piede di S.. Caterina da Siena. La maggior parte del suo corpo è a Roma, testa nel monastero di Siena, un piede qui, e altri piccoli cimeli sono sparsi in tutta Italia.

La parte meridionale del transetto è decorata con un dipinto di Alvise Vivarini, Cristo che porta la croce (1474) e la tela di Lorenzo Lotto Sant'Antonio (1542). Quest'ultimo dipinto fu dipinto dal Lotto solo in cambio del costo del materiale e del diritto di essere sepolto in questa chiesa, ma la gelosia e gli intrighi di altri pittori (compreso Tiziano) ha portato alla sua espulsione dalla città (fu sepolto nel monastero di Loreto).

Sul lato destro del presbiterio si trova la tomba del doge Michele Morosini (d. 1382), che è stato riconosciuto da Ruskin come il più grande monumento del gotico veneziano. Di fronte il sarcofago del Doge Andrea Vendramina (d. 1478) tuttavia, ha ricevuto una valutazione negativa, m.in. perché, che l'artista ha scolpito solo questa metà della testa del defunto, che poteva essere visto da coloro che passavano di sotto, che per Ruskin era la prova "del declino intellettuale e morale finale”. Lo scultore criticato fu probabilmente Tullio Lombardo, aiutati da altri (forse padre e fratello).

Situata all'estremità settentrionale del transetto, la Cappella del Rosario rimase nell'anno 1867 completamente distrutto da un incendio, le cui vittime erano, tra le altre. dipinti di Tintoretto, Palmy il Giovane i innych. Sono stati sostituiti da altri, tra i quali i migliori sono i dipinti sulle volte e l'Adorazione del Veronese.

L'attrazione maggiore della navata nord è la lapide tombale del Doge Pasquale Malipiero, situata a sinistra della porta della sagrestia. (d. 1462). Quest'opera di Pietra Lombardo è uno dei primi esempi di stile rinascimentale a Venezia.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *