Venezia – Castello

Venezia – Castello

Il confine CASTELLO che abbiamo adottato corre a nordovest lungo il Rio di San Felice e la Sacca della Misericordia, a sud-ovest lungo il canale, che inizia presso l'ufficio postale di Rialto e termina alle spalle di San Marco, e ad est lungo il Rio dell'Arsenale e lo stesso Arsenale. È un quartiere, dove puoi deliziarti con una varietà di architetture, da delicata e sofisticata a sfacciata esagerazione (Santa Maria dei Miracoli i Gesuiti), immergiti nella storia e nella mitologia di Venezia (Santi Giovanni e Paolo i Santa Maria Formosa), e percorri uno dei viali più pittoreschi del mondo, Riva degli Schiavoni.

Parte nord-ovest

Secondo la divisione amministrativa ufficiale, la zona a nord della Ca 'd'Oro appartiene al sestiere Cannaregio, ma perché il Rio di San Felice e il Canale della Misericordia rappresentano una chiara fascia geografica, metterlo in Castello ha più senso. Vicino al confine settentrionale di questa zona, Fondamente Nuove, c'è la chiesa di Santa Maria Assunta, popolarmente noto come Gesuiti (codz. 10.00-12.00 io 15.00-19.00). I gesuiti iniziarono a lavorare alla costruzione di questa chiesa nel corso dell'anno 1714. Realizzazione di pareti in marmo intarsiato e tendaggi in marmo intagliato” ci sono voluti 15 anni, ma i risultati deliziano anche quelli, a chi non piace l'architettura barocca. Sul primo altare, a sinistra, c'è una scena notturna del Martirio e in. Lawrence Tiziano, la cui visione è ulteriormente difficile a causa della scarsa illuminazione.

Strada Nova corre più vicino al Canal Grande, che è stato stabilito negli anni 1871-72 demolendo molte case. È una strada trafficata per lo shopping, dove puoi comprare praticamente qualsiasi cosa, dagli spaghetti ai condimenti. Più o meno al centro di questa strada, la via poco appariscente Ca 'd'Oro va di lato, che conduce all'omonimo palazzo. È un edificio gotico, modificato in larga misura da lavori di restauro, la cui caratteristica più interessante, fasada, si vede meglio dal lato dell'acqua (dente. "Canale grande” sotto). All'interno della Galleria Giorgio Franchetti (pn.-sb. 9.00-14.00; 2000L) consiste in reperti inscritti nel museo dal Franchetti, che, in qualità di proprietario della Ca 'd'Oro, ha ristrutturato il palazzo all'inizio del XX secolo, e da dipinti di diversi musei statali. Una delle opere di maggior pregio è la sommità a testa di pozzo del cortile, scolpita da Bartolomeo Bona. C'è anche San Sebastiano Mantegny e la giovane coppia splendidamente scolpita Tullio Lombardo. Sono rappresentati anche grandi artisti come Tintoretto e Tiziano, ma le loro opere migliori non sono qui, quindi è meglio concentrarsi sulle tele di pittori meno conosciuti, anche se a volte altrettanto brillante (vale la pena guardare ad es.. sui paesaggi Vista dalla Piazzetta su San Giorgio e intorno al molo con vista della Salute Francesco Guardi).

All'estremità orientale della Strada Nova, Campo dei Santi Apostoli e la Chiesa dei Santi Apostoli sono all'incrocio. Sembra noioso dall'esterno, ma l'interno è degno di nota per la Cappella Corner: la cappella sarebbe stata progettata da Mauro Coducci, Comunione e in. Lucia sull'altare è di Giambattista Tiepolo, e la costruzione della tomba di Marco Corner (ojca Cateriny Cornaro; dente. „Asolo”) accreditato a Tullio Lombardo.

Dintorni di Miracoli

La strada dai Santi Apostoli a uno degli edifici più belli d'Europa, Chiesa dei Miracoli ricca di opere della famiglia Lombardo (Santa Maria dei Miracoli) è già relativamente semplice. La chiesa fu costruita negli anni '80 del Settecento come santuario all'immagine della Madonna, a cui è stato accreditato di aver compiuto numerosi miracoli, m.in. risurrezione dell'uomo, che per mezz'ora giaceva in fondo al Canale della Giudecca. Il Piano Lombardo è considerato l'autore del progetto della chiesa, ma il fatto provato è solo questo, che l'artista ei suoi due figli, Tullio i Antonio, hanno vegliato sui lavori di costruzione e realizzato molte decorazioni. Una caratteristica tipica dell'architettura rinascimentale veneziana era il primato dell'effetto sulla fedeltà allo stile classico, e così ad es.. I pilastri corinzi furono collocati qui sotto quelli ionici, che lo spettatore dal basso possa apprezzare meglio la bellezza del primo.

L'interno decorato in marmo contiene alcune delle decorazioni intagliate più elaborate di Venezia. Le figure dei due santi e la scena dell'Annunciazione sulla balaustra del loggiato alto (all'estremità orientale della chiesa) sono considerate opera di Tullio Lombardo. Le altre sculture qui rinvenute sono sicuramente opera di membri della famiglia Lombardo, ma non sappiamo niente di più. Le teste dei bambini, poste sopra i gradini dell'altare, hanno fatto un'impressione molto speciale su Ruskin: "qualcuno, che è stato in grado di scolpire la testa di un bambino in modo così perfetto, tagliarlo e fissarlo sulla setola alla foglia di vite, doveva essere privo di tutti i sentimenti umani”.

Proseguendo da Miracola verso Rialto ci imbattiamo nell'intima chiesa di San Giovanni Crisostomo, costruito ca.. 1500 dell'anno secondo un progetto di Mauro Coduc-cie. Contiene una meravigliosa tela dell'ultimo periodo dell'opera di Giovanni Bellini, St.. Hieronim, Cristoforo e Agostino e un eccellente dipinto di Sebastiano del Piombo St.. Jan Chrysostom con i. Giovanni Battista. Liberale, Maria Maddalena, Agnieszka e Katarzyna. Ce n'è uno minuscolo sul retro della chiesa, cortile circondato da vecchi edifici, Corte Seconda del Milion, a cui c'è, tra gli altri. La casa della famiglia di Marco Polo.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *