Venezia – Dorsoduro – Museo Guggenheim, Saluto, Zattere

Guggenheim e Museo della Salute

A cinque minuti a piedi dall'Accademia, za Campo San Vio, Sorge l'incompiuto Palazzo Venier dei Leoni, dove si trova ora il Museo Guggenheim (IV-X nd., pn. iśr.-pt. 12.00-18.00, sb. 12.00-21.00; 5000L,sb. 18.00-21.00 Entrata Libera; aperto solo occasionalmente in inverno). Questo è un museo privato, dove visse la collezionista americana Peggy Guggenheim 30 anni, fino alla sua morte nell'anno 1979, consistono in insoliti, ma soprattutto opere eccellenti delle sue tendenze e artisti modernisti preferiti. Spiccano The Bird in Space e Brancusi's Teacher, La Torre Rossa e il bel poeta De Chirico, Vestire la sposa di Max Ernst, sculture di Laurens e Lipchitz, dipinti di Malevich e collage di Schwitters.

Proseguendo lungo il Canal Grapde arriverete alla Chiesa di Santa Maria della Salute, chiamato Salute in breve (codz. 8.00-12.00 io 15.00-17.00). E 'stato costruito in conformità con il decreto del Senato del 22 X 1630, che ha ordinato l'erezione di un nuovo tempio dedicato a Maria, se la città è liberata dalla peste che la affligge (poi ca.. 1/3 il popolo di Venezia). I lavori di costruzione sono iniziati nell'anno 1631 progettato da Baldessare Longheny, e finì in 1681, ma solo la consacrazione della chiesa ebbe luogo 5 anni prima della morte dell'architetto, 9 XI 1687 anno. Ogni anno da allora 21 Gli XI membri della Signoria hanno guidato un corteo di ringraziamento per la salute della città (saluto significa salute) su un ponte di barche appositamente assemblato da San Marco a Salute. La celebrazione della Salute è ancora oggi una data importante nel calendario veneziano.

Nell'anno 1656 la raccolta dei dipinti di Tiziano dalla dismessa Chiesa di Santo Spirito è stata trasferita alla Salute e ora sono in sagrestia (piccolo biglietto d'ingresso). Il più importante di loro è il dipinto d'altare di San Marco in trono con i. Spazio, Damiano, Sebastian e Roche (santi della peste). Illuminazione e prospettiva sottolineano la drammaticità della scena di Mating in Cana di Tintoretto che si trova anche qui (1561), che vi ha inserito i ritratti di molti dei suoi amici.

Per Salute, nel punto più estremo della penisola formata dal Canal Grande e dal Canale della Giudecca, si trova a Dogana di Mare (l'ufficio doganale), con consolidato negli anni 1676-82 Facciata dorica. Il coronamento di questa struttura, visibile da lontano, è una palla d'oro che segnala la direzione del vento, su cui c'è una figura che simboleggia la giustizia (o fortuna).

Lungo le Zattere fino a San Sebastiano

Il Boulevard delle Zattere si estende da Punta della Dogana alla Stazione Marittima (Zattere”), che inizialmente era il luogo di scarico delle merci più grandi portate a Venezia, e oggi è una popolare area pedonale domenicale. Il monumento più importante del viale è la chiesa dei Gesuati di Santa Maria del Rosario, dove vale la pena vedere i dipinti di Giambattista Tiepolo: tre affreschi sulla volta raffiguranti Scene della vita di S.. Domenico e l'altare dipinto Madonna con tre santi domenicani.

La strada a destra dietro i Gesuati conduce alla più grande fabbrica di gondole ancora a Venezia, sąuero di San Trovaso, e poi alla Chiesa di SanTrovaso. La tradizione veneziana continua, che questa chiesa era l'unico terreno neutrale per due gruppi rivali di lavoratori, Nicolotti i Castellani. Qui si tenevano i loro matrimoni misti e altre celebrazioni, ma i membri di questi gruppi dovevano usare input separati. Perché la chiesa è grande e buia, le foto qui, m.in. le ultime opere di Tintoretto, Adorazione dei Magi e cacciata dei venditori dal tempio (su entrambi i lati dell'altare), si vedono meglio al mattino.

Situata proprio accanto alla Stazione Marittima, la Chiesa di San Sebastiano (orari irregolari. apertura) è stato costruito tra 1505-1545. Era la chiesa parrocchiale di Paolo Veronese, chi è l'autore della maggior parte dei dipinti qui ed è stato sepolto qui. Inizialmente gli fu chiesto di eseguire l'Incoronazione della Vergine Maria e dei Quattro Evangelisti sulla volta della sacrestia ,così come Scene della vita di S.. Ester sulla volta della chiesa principale. Poi ha dipinto la cupola sopra il presbiterio (è stato successivamente distrutto) io, con l'aiuto del fratello Benedetto, pareti della chiesa e del coro delle suore. Scorso, negli anni Sessanta del Cinquecento, furono realizzati i dipinti attorno all'altare maggiore e all'organo.

CaRezzonico i okolice

Da San Sebastiano verso il Canal Grande si percorrono Calle Avogaria e Calle Lunga San Barnaba fino a Campo San Barnaba, che si trova nei pressi di Ca 'Rezzonico, siedziby Museo del Settecento Veneziano (Museo del Settecento veneziano; sb. e dal lunedì al giovedì. 10.00-16.00, nd. e le vacanze 9.00-12.30; 3000L). Dopo aver rilevato l'edificio in 1934, Il comune veneziano iniziò ad arredarlo e decorarlo con oggetti e materiali, che erano o del XVIII secolo, oppure erano imitazioni moderne, in modo che l'interno dell'edificio oggi assomiglia a una casa residenziale elegantemente attrezzata che a un museo. Tra le arti applicate qui presenti, le fantasiose decorazioni di Andrea Brustolon evocano sentimenti contrastanti, mentre i dipinti sono notevoli per le illustrazioni della vita sociale a Venezia di Piętro Longhi e gli affreschi realizzati alla fine della vita di Giandomenico Tiepolo . Anche se col tempo, quando furono realizzati questi affreschi, questo tipo di creatività stava perdendo popolarità, personaggi di pagliacci e scene di carnevale creati qui, che l'artista inizialmente intendeva mettere a casa sua, sono tra le opere più famose di Giandomenico. Fan di uno stile più pomposo, in cui primeggiava il padre dell'artista, non lasceranno nemmeno delusi il museo.
Su un grande, il piuttosto piacevole Campo Santa Margherita ha un mercato e molti negozi, che insieme danno a questo quartiere un'atmosfera specifica. La parte occidentale della piazza ospita una mostra di opere di Giambattista Tiepolo, Scuola Grandę dei Carmini (codz, 9.00-12.00 io 15.00-18.00; 2000L). Nella sala principale al piano di sopra, centrale tra i dipinti della volta, creato all'inizio degli anni 1840, c'è un'opera su larga scala intitolata. Madonna in gloria.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *