Venezia – San Marco – Basilica di San Marco

Venezia – San Marco – Basilica di San Marco

St.. La Cattedrale di San Marco è la cattedrale più esotica d'Europa, a cui nessun estraneo può restare indifferente. Per Herbert Spencer lo trovò ripugnante come “un eccezionale esempio di architettura barbara”, ma John Ruskin la considerava "un'isola di tesori".… delizioso con la sua eterogeneità”. Qualunque sia l'impressione, ha su quelli che entrano, la basilica è senza dubbio tanto più eterogenea, più dettagli noti. Una certa conoscenza della storia dell'edificio aiuta a introdurre un po 'di ordine in questo apparente caos.

STORIA DELLA BASILICA

Secondo la leggenda dell'Annunciazione di S.. Marca, quando la barca dell'Evangelista diretta a Roma era ancorata in laguna, gli apparve un angelo e glielo disse, che il suo corpo sarebbe stato sepolto qui (parole di angelico saluto, pace a te, Marce emngelista mio, sono incisi sul libro, sempre tenuto dal leone di S.. Marca). Uno dei primi abitanti di Venezia, avendo creduto nel santo destino della sua città, obbedientemente adempì la profezia dell'angelo e nell'anno 828 il corpo di S.. Marco è stato portato in città.

Modellato sulla chiesa di S.. Apostoli a Costantinopoli, il Santuario di S.. Il marchio è stato consacrato nell'anno 832, ma già tra un anno 976 li consumò, insieme al Palazzo Ducale, un incendio scoppiato durante la rivolta contro il Doge. L'attuale basilica fu originariamente completata nell'anno 1094, ma nei secoli successivi fu più volte abbellita. Ed è questa combinazione del design originale e delle successive decorazioni che è la principale responsabile dell'impressione, la basilica esercita sui visitatori. Presenza di elementi decorativi saccheggiati altrove, che spesso sono più antichi dell'edificio stesso e talvolta non hanno nulla a che fare con la chiesa, complicando ulteriormente la situazione. Tutti i trofei collocati nella chiesa da dogi consecutivi (e devi ricordare, che questa chiesa allora non era una cattedrale veneziana, ma una cappella dogale privata) dovevano testimoniare la potenza terrena di Venezia, e quindi sulla forza trainante spirituale di St.. Marca. L'autorità di un evangelista era usata per santificare le azioni politiche e le usanze statali: il potere del Doge gli fu ufficialmente conferito nella chiesa, e anche i comandanti militari presero le loro funzioni all'altare.

ATTENZIONE: Anche così, la Basilica di San Marco è stata spesso aperta da allora 6.30, le visite sono consentite solo negli orari successivi: pn.-sh. 9.30-17.30. nd. e io. 14.00-17.30. Indipendentemente dalla stagione, alcune parti della basilica sono sempre chiuse per lavori di ristrutturazione. Recentemente, il Battistero e Capeila Zen sono in fase di ristrutturazione.

ASPETTO, PRZEDSIONEK I LOGGIA DEI CA VALLI

Tra gli elementi esterni ben visibili dalla piazza meritano la massima attenzione le decorazioni romaniche del portone centrale, in particolare le figure dei Mesi e delle Stagioni sull'arco centrale e la serie degli Artigiani Veneziani sull'arco esterno. I lavori per la decorazione della porta iniziarono ca.. anno 1225, e finito all'inizio. XIV secolo. Vale anche la pena dare un'occhiata al mosaico sopra la porta a sinistra, che raffigura l'arrivo del corpo di S.. Marco a Venezia. È l'unico mosaico originale, che si conserva sulla facciata (proviene da c. 1260) e contiene la più antica immagine conosciuta della basilica.

Dalla piazza si accede al vestibolo decorato con i mosaici più antichi di San Marco (il cosidetto. nartece). Le scene dell'Antico Testamento sotto le cupole e gli archi, così come le passerelle davanti alla porta principale nelle nicchie, provengono dagli anni '60 dell'Ottocento.

Una ripida scalinata conduce dal portone principale della chiesa al Museo Marciano e alla Loggia dei Cavalli (2000L). Oltre alla vista su tutta la piazza, da cui è difficile distogliere lo sguardo, dalla Loggia si possono ammirare da vicino le decorazioni gotiche sulla sommità della facciata. I cavalli fuori sono repliche, i cui originali sono stati collocati in una sala all'interno del museo, ufficialmente per proteggerli dagli effetti dannosi dell'aria sporca, e secondo i cinici, a fini pubblicitari sponsorizzando l'intero progetto Olivetti. Le sculture greche del IV e III secolo a.C. trafugate dall'Ippodromo di Costantinopoli. (l'unico gruppo di sculture del genere, che è sopravvissuto ai nostri tempi) Sono dorati e fatti quasi di bronzo 100% contenuto di rame.

INTERNI

Il design degli interni di San Marco non ha eguali tra le cattedrali di tutto il mondo. Il pavimento ondulato è in marmo decorato con forme geometriche (XII secolo), le parti inferiori delle pareti sono decorate con lastre di pietra portate da oriente, e ogni frammento del muro e del soffitto è pieno di mosaici (in totale 4000 m2). C'è una tale ricchezza qui, che una visita alla cattedrale non è sufficiente, per abbracciare il tutto. Perché la luce che scorre durante il giorno rivela alcune parti della decorazione e ne copre altre, è meglio venire in cattedrale per qualche giorno per mezz'ora al mattino e al pomeriggio.

La maggior parte dei mosaici erano già in atto a metà del. XIII secolo, alcuni risalgono al XIV e XV secolo, e altri furono realizzati nel XVI secolo per sostituire i frammenti precedenti danneggiati. Una guida completa riempirebbe grossi volumi, ma qui basta elencare i più efficaci: Cristo, Madre di Dio e S.. Marek (XIII sett.) sulla parete ovest sopra la porta, Pentecoste (presto. XII sett.) sotto la cupola ovest, Crocifissione e Resurrezione (quest'ultima è una copia del XV secolo.) sull'arco tra la cupola occidentale e centrale, Ascensione sotto la cupola centrale, Profeti che predicano l'insegnamento di Cristo sotto la cupola orientale, I quattro santi patroni di Venezia tra le finestre dell'abside, Opere di i. Giovanni Evangelista sotto la cupola della parte settentrionale del transetto, Vita della Vergine Maria e del Bambino Gesù sull'arco della cupola occidentale del transetto settentrionale (continuazione sulla sommità del muro adiacente), Preghiera nel Giardino del Getsemani sul muro della navata meridionale, e La riscoperta del corpo di S.. Marca. Quest'ultima scena racconta una storia, come è durante la ricostruzione della basilica nell'anno 1063 corpo di St.. Il marchio è stato nascosto, poi, 30 anni dopo, nell'anno 1094, trovato miracolosamente, quando è uscito dalla colonna da solo, in cui erano precedentemente segretamente sepolti.

Si accede al Santuario dalla parte meridionale del transetto (1000L) dietro l'altare, dove si trova il tesoro più prezioso di San Marco, Pala d'Oro. Prodotto in un anno 976 a Costantinopoli, l'altare fu ingrandito e arricchito da orafi bizantini nel 1105, e poi dai veneziani durante l'anno 1209 (parte del prezioso bottino catturato durante la Quarta Crociata si trova qui) io 1345. L'intera lastra dell'altare contiene 83 piastrelle smaltate, 73 dischi smaltati, 38 figurine intagliate, 300 zaffiri, 300 smeraldi, 400 granate, 15 rubini, 1300 perle e ca.. duecento altre pietre preziose.

Nell'angolo del transetto sud c'è una porta della volta (2000L). È una splendida collezione di calici, reliquiari, candelabri e altri oggetti,; la maggior parte dei quali proviene da saccheggi nell'anno 1204 Costantinopoli.

Dalla navata sud si accede al battistero, che deve la sua forma attuale al doge trecentesco di Andrea Dandolo, la cui tomba, posto davanti alla porta, è stato riconosciuto da Ruskin come il più bel monumento funerario della città. Dandolo commissionò anche mosaici raffiguranti Scene della vita di Cristo e Giovanni Battista, in cui il carattere ieratico dell'arte bizantina e la ricchezza gotica dei dettagli si fondono in uno.

L'adiacente Cappella Zen è stata costruita tra 1504-1521. La tomba del cardinale Giambattista Zen si trova all'ingresso della Piazzetta, collegata al vestibolo della basilica, le cui proprietà sono state trasferite alla città fornita, che il cardinale sarebbe stato sepolto a San Marco. Sulla volta sono presenti mosaici con Scene dal vero e in. Marca, che risalgono alla fine del XIII secolo. La cappella è talvolta chiamata Cappella della Madonna della Scarpa, che proviene dal dipinto Madonna col Bambino di Antonio Lombardo posto sull'altare maggiore (1506).

C'è ancora molto da vedere nelle parti inferiori della navata principale della chiesa. Sono bellissimi scolpiti nella sala di lettura durante l'anno 1394 dagli scultori che dominavano la Venezia dell'epoca, Piano di Jacobello e Paolo Dalie Masegne, figure in marmo della Madonna, st. Marco e gli Apostoli. Il pulpito in piedi su entrambi i lati della sala di lettura è stato assemblato all'inizio del XX secolo. XIV secolo da piatti separati, molti dei quali provengono da Costantinopoli (il nuovo doge è stato presentato al popolo dal pulpito destro). Nella cappella nella parte orientale del transetto settentrionale si trova l'icona della Madonna di Nicopeia del X secolo, il più venerato tra le icone veneziane, ancora venerato a Costantinopoli.

Nella vicina Cappella della Madonna dei Mascoli si può ammirare una delle prime opere rinascimentali a Venezia, una serie di bellissimi mosaici dalla metà del. XV secolo sotto il titolo Scene della vita della Vergine Maria. Sul lato nord della navata è presente un baldacchino realizzato con rare specie di marmo, che fu eretto per commemorare il dipinto Il Crocifisso, attualmente posto sull'altare. Il dipinto è stato portato a Venezia in un anno 1205, un anno 1290, quando, dopo aver tentato di distruggerlo, iniziò a gocciolare sangue, è molto venerato dai fedeli.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *