Bassano del Grappa

Bassano del Grappa

Al posto di, dove il fiume Brenta si allarga affiorando tra le colline, si trova BASSANO, che è cresciuta notevolmente in questo secolo, ma il suo centro storico resta libero dagli errori novecenteschi. La città è meglio conosciuta per i suoi prodotti industriali e agricoli, così come gli eventi delle guerre mondiali (guarda giù) che grazie ad alcuni edifici o monumenti eccezionali. Bassano è stata per secoli un importante produttore di ceramica e ghisa, famosa anche per la sua distilleria di grappe e per tali prelibatezze, come i porcini (Funghi secchi), asparagi bianchi e miele.

Città

Quasi tutte le attrazioni di Bassano si trovano tra il Brenta e la stazione ferroviaria; al di fuori di questa zona si raggiungono velocemente le periferie di recente costruzione. Partendo dalla stazione, si attraversa la tangenziale di viale delle Fosse e si arriva in Piazza Garibaldi, una delle due piazze principali. Qui, nei chiostri della trecentesca Chiesa di San Francesco, si trova oggi il Museo Civico (wt.-sb. 10.00-12.30 io 14.30-18.30, nd. 10.00-12.30 io 15.00-18.30; 1000 L). Le sale al piano terra sono dedicate alla ceramica, stampa (che era stato a lungo uno dei mestieri chiave di Bassano) e reperti archeologici. In alto sono raccolte le collezioni di dipinti della famiglia da Ponte (detta anche famiglia Bassano) e diverse sculture in gesso del Canova; il museo ha anche 2000 i suoi disegni. La più interessante - senza contare la stanza dedicata a Tita Gobbi, che è nato a Bassano - ci sono enormi affreschi plafond, si trasferì qui durante i lavori di ristrutturazione del tetto del palazzo, in cui si trovavano.

In fondo alla piazza si trova la Torre Civica, un tempo torre di guardia delle mura interne del XII secolo, ora una torre dell'orologio con aggiunta nel XIX secolo. blankami i oknami. Attraverso la loggia situata alle spalle del XV secolo (un tempo sede del comandante veneziano) Piazzetta Montevecchio è raggiunta da un groviglio di strade e scale che scendono al fiume e al Ponte degli Alpini. Il ponte fu gettato per la prima volta sul fiume in questo luogo nel XII secolo. e da allora ha dovuto spesso essere ricostruito o rinnovato, principalmente a causa di inondazioni; l'attuale struttura è stata progettata da Palladio w 1568 r. in legno, per rendere il ponte il più flessibile possibile.

C'è Nardini alla fine del ponte, fondato nel 1779 r. distilleria di grappe (wt.-nd. 8.00-20.00); puoi acquistare liquori di altissima qualità lì, averla assaggiata in anticipo al bar.

I nomi di molte strade e piazze di Bassano ricordano le vittime di due guerre mondiali. Tuttavia, il grande monumento alle vittime della guerra è fuori città, na Monte Grappa. In questo enorme, il giro, la struttura a più livelli posizionava il corpo 12000 soldati dell'esercito italiano e austro-ungarico; il monumento è una dichiarazione di futura amicizia piuttosto che un simbolo di lutto; fu costruito dai fascisti nel 1935 r. Via Eroica conduce dal monumento (raggiungibile in estate da Bassano con l'autobus) al museo.

Informazioni pratiche

L'ufficio di APT è in viale delle Fosse 9 (pn.-sb 9.00-12.30 io 15.00-18.45) direttamente dalla stazione, poi a destra, in ampio viale. La rivista gratuita "Bassano Mese" fornisce informazioni aggiornate su servizi ed eventi in città.

Autobus per Maser, Possagno, Maróstica i Asolo (guarda giù) partono regolarmente da Piazzale Trento, attraverso il viale delle Fosse da APT; al Bar Trevizani in piazzale è possibile avere informazioni e acquistare i biglietti (pn.-sb. 6.30-20.30, nd. e le vacanze 8.00-12.00 io 15.00-19.15).

Ci sono due possibilità di alloggio economico: Bassanello, via P. Fontana 2 (0424/35347), o Castello, Piazza Terraglio 20 ( 0424/23462) - in entrambi, due costano denaro 28000 L.

Quando si parla di gastronomia, in Antica Osteria, via Matteotti 5 (pn. Chiuso) puoi ottenere degli ottimi snack da bar, mentre Combattini, via Gamba 22 (sb. Chiuso) lo consigliamo per un pasto completo.

Marostica

Sette chilometri a ovest di Bassano c'è un'altra fortezza, Ezzelina da Romano, la città murata di MAROSTICA, la cui rocca sorge sopra il centro storico sul crinale del colle Pausolino. Gli Ezzelin hanno governato qui per molto tempo (Ezzelino III è venuto dopo Ezzelino Stranger, e quello del collegio dopo Ezzelino Monaco), ma le mura della città e il Castello Inferiore (serratura inferiore) un'altra dinastia dispotica sorse, Scaligeri di Verona.

Dietro il castello si trova Piazza Castello, Mercato cittadino, sulla cui superficie è dipinto il tabellone Partita a Scacchi, titolo principale della città alla fama. Questo gioco è stato creato, quando due cavalieri che si contendevano la mano della stessa dama decisero di risolvere la controversia con l'aiuto dei pezzi degli scacchi, non spade. Sono state utilizzate figure in tempo reale, e oggi la partita si gioca con grande sfarzo nel secondo fine settimana di settembre anni pari. Per l'occasione al Castello Inferiore vengono messi in scena costumi trecenteschi (nd. 14.00-18.00; 500 L).

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *